Cibo sostenibile: 8 semplici consigli per mangiare in modo più ecologico, sano ed economico

Cibo sostenibile: 8 semplici consigli per mangiare in modo più ecologico, sano ed economico

1 Agosto 2022 By daniele

Oggi il nostro sistema alimentare è al centro di molte problematiche sanitarie, economiche, sociali e ambientali. Come possiamo ridefinire la nostra dieta per far emergere una dieta più sana, più ecologica e forse più economicamente valida? E se la risposta fosse nella sobrietà alimentare? Ecco come.

Cibo sano e sostenibile

Ridefinire il nostro cibo significa prima di tutto mettere in discussione i bisogni che esso deve permetterci di soddisfare. Il ruolo del cibo è soprattutto quello di fornire all’individuo i nutrienti essenziali per la sua buona salute e per i suoi bisogni fisici. Il cibo è anche un settore economico, che deve consentire a chi lo produce e lo distribuisce di vivere dignitosamente. Ma è anche una fonte di piacere quotidiano, un modo per condividere attraverso la cucina e la gastronomia, o per scoprire sapori di altre culture. Il cibo risponde quindi a un bisogno che è sia fisico, ma anche culturale, sociale ed economico.

Il problema è che oggi la nostra dieta non sempre soddisfa molto bene queste esigenze. A livello nutrizionale, ad esempio, il cibo contemporaneo è in parte causa di un certo numero di patologie e malattie croniche: diabete, obesità, tumori… la nostra dieta quindi non svolge più bene il suo ruolo nutrizionale.

Da un punto di vista economico succede la stessa cosa: il nostro sistema di produzione alimentare non sempre paga abbastanza i produttori. Socialmente e culturalmente, anche il ruolo del cibo sta cambiando. Secondo gli studi si trascorre sempre meno tempo in cucina. Il pasto, consumato sempre di più davanti alla televisione, diventa un momento meno social. I giovani apprezzano anche l’ora dei pasti meno degli anziani. Culturalmente il cibo si sta diversificando, con un accesso sempre più facile a ingredienti e piatti di altre regioni del mondo, ma sta anche diventando più omogeneo, con la generalizzazione di fast food, piatti pronti e filiere alimentari della ristorazione.

Allo stesso tempo, il cibo dovrebbe idealmente soddisfare queste esigenze fisiche, economiche, sociali e culturali senza compromettere la stabilità degli ecosistemi naturali. Ma oggi il cibo moderno degrada notevolmente la natura. Le emissioni di gas serra, l’uso massiccio di pesticidi, il degrado del suolo e della biodiversità e persino la deforestazione sono oggi i principali problemi ecologici legati alla produzione alimentare.

Di fronte a questa osservazione, sembra ovvio che dobbiamo ripensare la nostra dieta: inventare una dieta che risponda meglio alle nostre esigenze nutrizionali, economiche, ma anche sociali e culturali, e che preservi i nostri ecosistemi. In altre parole, una forma di sobrietà alimentare. E se questa rivoluzione deve essere sistemica, politica, richiede anche la consapevolezza dei cittadini e l’adozione di nuove abitudini di consumo alimentare.

Ecco alcuni semplici consigli per la vita di tutti i giorni, che ognuno di noi può mettere in atto per partecipare allo sviluppo di una dieta più sobria, più sana, più sostenibile.

1. Mangiare di meno…

Come dimostra la generalizzazione del sovrappeso nelle nostre società, in media si mangia troppo. La nostra dieta contiene sempre più “calorie vuote”: questi alimenti ipercalorici, spesso ricchi di zuccheri, che forniscono pochi o nessun nutriente essenziale come vitamine, minerali, fibre o proteine. Bibite gassate, succhi di frutta ultra-elaborati, carboidrati altamente raffinati sono tutti alimenti che aiutano ad aumentare il nostro apporto calorico senza aiutarci a soddisfare i nostri bisogni nutrizionali. Oltre a degradare la nostra salute, la produzione di questi alimenti ha importanti impatti ambientali. La sfida per una dieta più sostenibile, più sana e più sobria è quindi a livello globale (al di là dei casi evidenti di precarietà e denutrizione) mangiare meno, ma soprattutto mangiare meno di questi prodotti la cui utilità nutritiva è molto limitata. E mangiare di meno va anche con mangiare meglio.

2. Mangiare meglio!

Ma allora come adottare una dieta migliore? Gli studi indicano che non sempre mangiamo le giuste categorie di alimenti per le nostre esigenze nutrizionali. Così, in Francia, consumiamo troppe proteine ​​di origine animale, troppo sale, troppi grassi saturi, troppo zucchero. Concretamente, consumiamo troppa carne (soprattutto quelle grasse), troppi prodotti ultralavorati molto ricchi di sale (piatti pronti, pizze, zuppe brick, panini), troppi cibi zuccherati o ricchi di amido raffinati.

Allo stesso tempo, studi nutrizionali mostrano anche che il nostro apporto di fibre è insufficiente. In questione, consumo insufficiente di frutta, verdura, legumi e prodotti integrali. Secondo le raccomandazioni, dovremmo mangiare una volta e mezza in più rispetto a oggi. Per inciso, gli alimenti che consumiamo troppo (carne, prodotti trasformati) sono spesso quelli che generano il maggior impatto ambientale. Mentre quelli che non consumiamo abbastanza (verdure, legumi) sono generalmente i più ecologici. Adottare una dieta più sana e sostenibile significa quindi anche fare scelte alimentari migliori: ridurre il consumo di prodotti trasformati, salumi o prodotti contenenti molti grassi animali o carboidrati semplici. E sostituiscili con prodotti come ortaggi, legumi, cereali integrali: tante alternative gustose, sostenibili e salutari.

3. Mangiare meno prodotti animali

Come abbiamo visto, mangiamo troppa carne. Ma questo vale per i prodotti animali in genere, come i formaggi!

Dovrebbe essere chiaro che l’allevamento è il principale emettitore di gas serra dall’agricoltura. Una proteina di manzo emette, ad esempio, 36 volte più CO2 di una proteina di frumento. Come mai ? Perché un animale consuma cibo (erba ma anche mais, soia, cereali, ecc.) che doveva essere prodotto in quantità, generando emissioni di GHG, consumo di pesticidi, scarichi in acqua, aria, ecc. E consumando grandi quantità di terreni agricoli, alcuni dei quali ottenuti dalla deforestazione nei cosiddetti paesi del sud come il Brasile. I ruminanti rilasciano anche grandi quantità di metano, un altro gas serra, e gli animali in generale generano letame che deve essere gestito. Se vuoi ridurre l’impronta ecologica della tua dieta, il modo più efficace è ridurre il consumo di carne e prodotti animali.

Mangiare molta carne, soprattutto quella più ricca di grassi, ha un impatto anche sulla nostra salute favorendo il sovrappeso o le malattie cardiovascolari. La carne lavorata (in particolare i salumi) è considerata “cancerogenica per l’uomo” dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dal 2015.

In pratica, non si tratta necessariamente di vietare tutti i prodotti animali. Tuttavia, alcuni piccoli accorgimenti sono semplici da mettere in atto: ridurre il consumo di carne ed evitare il più possibile carne bovina e di agnello (che sono le carni più inquinanti) sono buoni primi passi per preservare la vostra salute e quella dell’ambiente del vostro bambino. Per sostituire questo apporto proteico, puoi aumentare il consumo di legumi (ceci, fagioli secchi, lenticchie). Nessuna restrizione con i legumi: puoi mangiarli tutti i giorni. E ci sono decine di ricette senza carne, o con meno carne, tanto gustose quanto le nostre ricette tradizionali che la contengono. Il vantaggio è che generalmente costa meno mangiare proteine ​​vegetali rispetto a quelle animali.

Puoi anche ridurre il consumo di formaggio, scegliendo meglio: meno formaggi industriali, nei prodotti trasformati, e più formaggi artigianali, locali, più gustosi. Mangeremo così meno prodotti, ma di migliore qualità. Alla fine, puoi anche guadagnare finanziariamente.

4. Porre fine allo spreco alimentare

Nel mondo, circa il 30% del cibo prodotto viene sprecato. In Francia, solo nella fase di consumo, ciò rappresenta una perdita di 30 kg di cibo per persona all’anno, di cui 7 kg di cibo ancora confezionato. A livello globale, si stima che queste perdite contribuiscano all’8-10% delle emissioni di gas serra di origine antropica.

I due momenti in cui si verificano le maggiori perdite sono la produzione e il consumo. Se noi consumatori abbiamo scarso impatto sul primo, possiamo agire sul secondo. La riduzione degli sprechi alimentari inizia con l’acquisto in base alle proprie esigenze: acquistare quantità adeguate ai pasti della settimana, organizzarsi per pianificare al meglio la spesa ei pasti. Si tratta anche di controllare regolarmente le date di scadenza dei propri prodotti: capire la differenza tra la data di scadenza e la data di minima conservabilità, privilegiare la cottura di prodotti fragili, condividere o congelare prodotti prossimi alla scadenza anziché buttarli… Puoi anche imparare a cucinare gli avanzi: passati di verdura, insalate o gratin con avanzi di carne. Sempre più negozi di alimentari propongono anche promozioni su prodotti in scadenza o su frutta e verdura non conformi: questo è un buon modo per risparmiare denaro, riducendo le perdite di cibo.

5. Mangiare di stagione

Un altro modo per ridurre l’impatto ambientale della nostra dieta, per consumare una dieta più sana ed equa, è mangiare di stagione.

Mangiare di stagione significa promuovere un sistema agricolo molto più sobrio di quello dell’agricoltura intensiva. La fase di produzione rappresenta l’83% dell’impatto ecologico di un alimento. Mangiare di stagione significa quindi fare in modo che la frutta o la verdura vengano coltivate nelle condizioni più favorevoli, e quindi più ecologiche.

Mangiare di stagione significa anche adattare la propria alimentazione alle esigenze del proprio corpo. La frutta e la verdura invernali non forniscono necessariamente gli stessi nutrienti di quelle estive. Variare durante l’anno ti assicura di avere tutto: vitamine, minerali, fibre. I cibi di stagione a volte sono sorprendentemente adatti alle nostre esigenze: in estate, ad esempio, quando il nostro organismo necessita di grandi quantità di acqua, mangiamo cibi che ne contengono molta, come anguria, melone, pomodori, zucchine, cetrioli, ecc.

E per scoprire in pochi click quale frutta e verdura mangiare in ogni stagione, è semplice, vai su La mia frutta e verdura di stagione.

6. Mangiare a km 0

Se la raccomandazione di mangiare locale viene dopo quella di mangiare di stagione, è perché il trasporto di un prodotto rappresenta in media solo una parte limitata della sua impronta di carbonio. Da un punto di vista ecologico, quindi, la tipologia di prodotto e il modo in cui viene coltivato è più importante della sua origine. Per i prodotti che non sono abituati al clima di una regione, spesso è meglio importarli che cercare di coltivarli localmente: i cortocircuiti poi non sono sempre più ecologici.

Tuttavia, a parità di modalità di produzione, sarà generalmente preferibile scegliere cibo locale. Questo per ragioni ecologiche oltre che sociali. I prodotti importati, infatti, generalmente aumentano il numero degli intermediari e quindi aumentano il divario tra il prezzo pagato e quello pagato al produttore. I prodotti locali, da cortocircuiti, garantiscono generalmente una remunerazione più equa per il produttore.

7. Evitare imballaggi inutili

In termini di emissioni di gas serra, l’impatto degli imballaggi alimentari non è così elevato come si potrebbe pensare rispetto alla produzione di un alimento. Rappresenta il 5% delle emissioni di gas serra di un prodotto alimentare. Ma riempie i nostri cassonetti: in casa l’85% degli imballaggi sono imballaggi alimentari! Inoltre, se l’imballaggio viene selezionato e raccolto in modo improprio, può finire in natura, dove contribuisce all’inquinamento degli oceani e ad altri problemi ambientali.

Se a questo si aggiunge l’elevato consumo di risorse, alcune delle quali non rinnovabili (come il petrolio) generate dalla fabbricazione degli imballaggi, ci si rende conto della necessità di ridurne la produzione. Si tratta di scegliere alimenti con il minor imballaggio possibile, trasformarsi in sfusi, utilizzare i propri contenitori compresa la bottiglia d’acqua, privilegiare imballaggi in vetro più sani e riciclabili all’infinito.

Ma attenzione: meno imballaggio non significa necessariamente nessun imballaggio! Alcuni imballaggi sono utili, soprattutto quando ti permettono di gestire al meglio le tue scorte alimentari e quindi di ridurre gli sprechi alimentari.

8. Composta i tuoi rifiuti alimentari

I nostri rifiuti organici rappresentano dal 40 al 60% del nostro cestino dei rifiuti domestici. Questi rifiuti organici quando vengono gettati nel cestino verde vengono spesso inceneriti. È tanta materia organica e sostanze nutritive che non ritornano mai nei campi. Tuttavia, oggi i terreni agricoli francesi stanno perdendo fertilità.

Questa mancanza di qualità del suolo agricolo deve poi essere compensata con l’aggiunta di fertilizzanti che hanno conseguenze dannose sulla biodiversità e sugli ecosistemi (come l’eutrofizzazione). Per rimediare a questo problema, puoi compostare i tuoi rifiuti organici. È molto facile quando hai un giardino, e ti permette di coltivare meglio il tuo spazio verde, spendendo meno. In un appartamento è anche possibile allestire un vermicomposter in cui la decomposizione dei rifiuti è accelerata dall’azione dei lombrichi.

Con tutti questi consigli possiamo già, al nostro livello, contribuire all’emergere di nuove abitudini alimentari. Questa sobrietà alimentare, che riduce i consumi meno utili alle nostre esigenze nutrizionali o socio-economiche, ha molti vantaggi: meglio per la salute, per l’ambiente, può anche contribuire a migliorare lo stato economico del sistema alimentare. Naturalmente, questi gesti individuali non sono sufficienti per trasformare l’intero sistema. Ci vorrà una vera trasformazione politica e sociale per rendere il nostro cibo più sostenibile, giusto e sano. Ma così facendo, diamo l’esempio beneficiando di cibi più sani, più gustosi, spesso più economici, che preservano il know-how gastronomico locale.