TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Acidificazione degli oceani, quali sono le conseguenze e i rimedi

Acidificazione degli oceani, quali sono le conseguenze e i rimedi

L’acidificazione è un grave problema ambientale. Anche se un calo di 0,1 punti di pH può sembrare di per sé banale, un tale cambiamento può avere conseguenze significative sull’ecosistema.

Conseguenze dell’acidificazione degli oceani sul plancton

Una delle principali conseguenze dell’acidificazione degli oceani è che influisce sulla capacità del plancton oceanico di rinnovarsi. In effetti, molte specie di plancton necessitano di un pH specifico per svilupparsi. Se il pH è troppo basso (l’oceano è troppo acido) queste specie non riescono più a strutturare i loro scheletri calcarei e hanno difficoltà a svilupparsi.

Il plancton è la base dell’ecosistema marino: funge da base per la catena alimentare, ma soprattutto contribuisce all’ossigenazione degli oceani e, per estensione, alla produzione di ossigeno nell’atmosfera.

In sintesi: più l’oceano diventa acido, meno si sviluppa il plancton e meno produce l’ossigeno necessario per l’equilibrio oceanico e atmosferico. In definitiva, se le popolazioni di plancton crollano, potrebbe influenzare la quantità di ossigeno nell’aria che respiriamo.

Conseguenze dell’acidificazione degli oceani sui coralli

Allo stesso modo, gli scienziati ritengono che l’acidificazione degli oceani stia colpendo i coralli. I coralli sono animali con strutture spesso calcaree, che sono alla base di ambienti ecologici molto ricchi di biodiversità: le barriere coralline. Come il plancton, in un ambiente acido il corallo ha difficoltà a sviluppare le sue strutture calcaree, quindi è più vulnerabile.

Si ritiene che gran parte del degrado dei coralli nel mondo sia attribuibile all’acidificazione degli oceani. Scomparendo, il corallo porta con sé molto spesso un intero ecosistema di pesci, alghe e organismi endemici che costituiscono un’importante catena del mondo marino.

Conseguenze dell’acidificazione degli oceani sulla biodiversità marina

L’acidificazione delle acque oceaniche ha anche diverse conseguenze sulla biodiversità marina. Pesci, crostacei, alghe e organismi marini reagiscono tutti in modo diverso alle variazioni del pH. Gli scienziati hanno dimostrato che alcuni pesci subiscono cambiamenti nel loro comportamento o metabolismo quando il pH diminuisce. Alcuni sono più fragili, altri che hanno difficoltà a trovare il cibo devono spostarsi, il che sconvolge gli equilibri locali. In questo momento, è difficile valutare tutti gli effetti dell’acidificazione degli oceani sulla vita marina, ma è probabile che abbia conseguenze molto significative a lungo termine.

Altri effetti e conseguenze dell’acidificazione degli oceani

Infine, l’acidificazione degli oceani potrebbe avere molteplici conseguenze anche sugli ecosistemi marini, conseguenze ancora oggi difficili da comprendere appieno. Circolazione oceanica, mortalità dei crostacei, tossicità, erosione: l’acidificazione degli oceani è una minaccia ecologica sistemica difficile da quantificare.

Come ridurre l’acidificazione degli oceani: quali soluzioni?

Per combattere l’acidificazione degli oceani, la misura principale è ridurre le emissioni di CO2 di origine umana. Se la quantità di CO2 rilasciata nell’atmosfera diminuisce, diminuirà anche la CO2 disciolta nell’oceano, il che rallenterà il fenomeno dell’acidificazione.

Limitare gli scarichi di azoto e zolfo è anche un modo per limitare l’acidificazione degli oceani, sebbene l’impatto di questi scarichi sia minimo rispetto all’impatto della CO2.

Il problema è che queste misure comportano una ridefinizione fondamentale del nostro sistema economico. Infatti, per ridurre le emissioni globali di CO2, dobbiamo ridurre massicciamente il nostro consumo di energia, cambiare i nostri modelli di consumo, ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili. Si tratta quindi di un vero e proprio progetto di transizione ecologica da attuare con urgenza.