TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Clima: dobbiamo prepararci a profondi cambiamenti negli oceani

Clima: dobbiamo prepararci a profondi cambiamenti negli oceani

A causa dell’inerzia climatica (si riferisce a un ritardo significativo tra le cause e le conseguenze osservate del cambiamento climatico), gli oceani cambieranno profondamente per molte altre generazioni, anche se raggiungeremo la neutralità del carbonio. Secondo gli scienziati, è necessario giocare d’anticipo e prepararci a questi cambiamenti.

La lotta al riscaldamento globale è ora unanimemente riconosciuta come una delle principali sfide per i prossimi decenni. Dobbiamo mettere in atto una serie di strategie per ridurre le nostre emissioni di CO2 al fine di raggiungere la neutralità del carbonio il prima possibile e per rallentare o addirittura fermare il riscaldamento globale ed evitare di raggiungere temperature che minaccerebbero le nostre condizioni di vita.

Per il momento, i governi mondiali sono ancora molto lontani dall’aver messo in atto misure sufficienti per affrontare questa sfida. Ma anche se ci riuscissero, ci sarebbe ancora molto da fare per affrontare pienamente la sfida climatica. Infatti, anche se riusciremo a combattere l’aggravarsi dell’aumento delle temperature, dovremo comunque agire per far fronte alle conseguenze delle trasformazioni climatiche già in atto.

L’oceano, in particolare, dovrebbe continuare a cambiare profondamente nei prossimi decenni, anche se mettiamo in atto le misure più drastiche contro il riscaldamento globale. Come mai? Semplicemente perché il clima e i sistemi oceanici richiedono tempo per assorbire pienamente le trasformazioni imposte loro dalle attività umane. Continueranno quindi ad evolversi molto tempo dopo che l’aumento delle emissioni di gas serra o delle temperature si sarà fermato. Uno studio pubblicato sulla rivista Atmospheric and Oceanic Science Letters invita a prepararsi a grandi cambiamenti oceanici.

Clima: l’inerzia dei sistemi oceanici

Bisogna capire che i sistemi climatici e quelli oceanici sono soggetti a un’inerzia molto forte. In termini concreti, ciò significa, ad esempio, che quando emettiamo gas serra, ci vuole tempo perché questo produca un effettivo aumento della temperatura nell’atmosfera. Allo stesso modo, ci vuole tempo prima che l’aumento delle temperature riscaldi l’oceano o che l’oceano assorba il carbonio in eccesso dall’atmosfera.

Questa inerzia significa che anche se smettiamo di aggiungere gas serra nell’atmosfera, il clima continuerà a riscaldarsi per diversi anni. Essendo l’inerzia dell’oceano ancora più forte dell’inerzia climatica, è probabile che anche l’oceano continuerà a riscaldarsi per decenni dopo che l’aumento delle emissioni si sarà fermato. E questo aumento delle temperature oceaniche potrebbe portare ad altri cambiamenti, che richiederanno anche tempo: trasformazioni delle correnti marine, innalzamento delle acque, scioglimento dei ghiacciai, cambiamenti dell’ecosistema, modifica del ciclo dell’acqua, ecc.

Anticipare le trasformazioni oceaniche

Il clima e i sistemi oceanici si stabilizzeranno solo una volta completate tutte queste trasformazioni, probabilmente tra più di un secolo. Per questo motivo, gli scienziati ritengono che le nostre società dovranno mettere in atto una serie di strategie per anticipare le trasformazioni oceaniche a lungo termine e per prepararsi e adattarsi ad esse.

Dati come la temperatura dell’oceano, il pH dell’oceano, ma anche lo stato del ghiaccio polare o la struttura delle correnti marine dovrebbero essere misurati e valutati con precisione, oggi e per diversi decenni. L’obiettivo sarebbe quello di comprendere meglio i sistemi oceanici e le loro evoluzioni, ed essere in grado di prevedere fino a che punto queste evoluzioni potrebbero influenzarci.

In effetti, c’è il rischio che le trasformazioni oceaniche influiscano profondamente sulle società umane. Ad esempio, se la temperatura dell’acqua di mare aumenta, ciò può aumentare la frequenza o addirittura l’intensità di cicloni, tempeste e altri eventi meteorologici estremi. L’interruzione del ciclo dell’acqua o le correnti marine potrebbero influire in modo significativo sugli equilibri climatici. È il caso, ad esempio, della famosa Corrente del Golfo, il cui rallentamento potrebbe modificare il clima temperato europeo.

Clima e oceani: preparare e costruire la resilienza delle società

I ricercatori insistono anche sulla necessità che le nostre società pianifichino una vera strategia di adattamento e resilienza di fronte a queste trasformazioni a lungo termine.

Le strategie di adattamento al riscaldamento globale sono attualmente il parente povero della risposta alla sfida climatica e l’azione pubblica sull’argomento è ancora incompleta. Ciò è ancor più vero quando si parla di adattamento a trasformazioni a lunghissimo termine (ben oltre il 2060, per esempio), che sono intrinsecamente difficili da misurare e prevedere. Ma secondo gli scienziati è necessario prepararsi oggi ad eventi ad “alto impatto e bassa probabilità”, come un rallentamento o una trasformazione improvvisa dell’Atlantico con il ribaltamento della circolazione dei meridiani o una perdita permanente della calotta glaciale. Questo tipo di eventi potrebbe infatti avere enormi conseguenze sulle nostre società.

Sembra quindi necessario prepararsi e costruire strategie di adattamento, che potrebbero, ad esempio, prevenire il rischio di inondazioni costiere o l’infiltrazione di acqua salata nelle riserve costiere di acqua dolce, adattare l’agricoltura alle grandi trasformazioni climatiche e molti altri.

La chiamata verrà ascoltata? Dato il tempo impiegato dai governi mondiali per iniziare a fare il punto sulla necessità di iniziare ad agire per ridurre le nostre emissioni di CO2, possiamo sinceramente dubitarne.