Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Come mangiare carne in modo sostenibile

Come mangiare carne in modo sostenibile

By daniele

Il consumo etico a favore del benessere degli animali sta lentamente progredendo nella nostra società, ma questa tendenza è ancora molto trascurabile per vedere cambiamenti reali nella lotta allo sfruttamento abusivo degli animali. Allora ci chiediamo: come andare oltre, come fare la nostra parte?

Ma la zootecnia non è l’unica forma di sfruttamento del mondo animale. Che si tratti di una fattoria, di un laboratorio, di un’arena o di divertirsi in un giardino, in uno zoo o in una riserva naturale, abbiamo un rapporto vario e mutevole con l’animale. Ma cosa differenzia fondamentalmente l’animale domestico dall’animale da fattoria o dall’animale selvatico? È soprattutto il suo benessere e gli sforzi che siamo pronti a fornire per la sua protezione.

La maggior parte delle persone è favorevole a vietare ogni sperimentazione animale, all’allevamento intensivo, ma anche alla caccia con i segugi e alle corride. In generale, i cittadini sembrano essere sempre più attenti e interessati alle tematiche legate alla protezione degli animali. E con la progressione del riscaldamento globale e la pressione esercitata dalle attività umane sugli ecosistemi, un numero crescente di cittadini sta ora decidendo di ridurre o addirittura interrompere del tutto il consumo di carne animale per ridurre la propria impronta di carbonio.

Tuttavia, la percentuale di vegetariani e vegani rimane ancora molto bassa, mentre i settori riforniti dagli allevamenti più intensivi (fast food, supermercati) continuano a svilupparsi. Paradossalmente, gran parte dei cittadini, pur consapevoli delle ripercussioni negative dello sfruttamento sul benessere animale e sull’ambiente, non sembrano pronti a intraprendere una profonda trasformazione del proprio modo di vivere.

Ma allora, cosa c’è che non va? Come fare la propria parte nella lotta alla sofferenza animale? La complessità dei sistemi operativi, il numero di attori della filiera produttiva e la mancanza di trasparenza sono tutti fattori che possono spiegare l’inazione della maggior parte dei consumatori. Senza la conoscenza del numero di animali uccisi o delle condizioni di detenzione degli animali, nulla spinge davvero un individuo a prendere in considerazione questi problemi e cambiare il proprio stile di vita.

Ridurre lo sfruttamento individuale degli animali

Nonostante tutto, nulla impedisce l’instaurazione di nuove abitudini per ridurne l’impatto sullo sfruttamento e la sofferenza degli animali, anche per le persone più resistenti al cambiamento. Non è necessario diventare vegetariano o vegano per contribuire alla lotta contro la sofferenza degli animali. Ecco come:

1. Informati…

Il primo passo per agire è informarsi sullo sfruttamento e l’antispecismo (movimento filosofico e politico contro lo sfruttamento animale). Lo Stato, le autorità territoriali e le numerose associazioni di tutela degli animali comunicano per sensibilizzare i cittadini sull’impatto dello sfruttamento, sia sulla sofferenza degli esseri viventi che sugli ecosistemi.

2. Consuma meno carne e pesce

Dal punto di vista alimentare è possibile una graduale riduzione del consumo di carne e pesce, che non rappresenta in alcun modo un problema per la salute umana. Il vegetarismo sarebbe anche utile contro alcuni problemi di salute (diabete, cardiopatia ischemica e rischio di cancro).

Oltre a ridurre individualmente la propria impronta sulla sofferenza degli animali, è anche un vantaggio per il pianeta. Il bestiame (suini, ovini, bovini, bovini, pesci) ha un impatto ambientale significativo. Oltre alle emissioni di gas serra (CO2, NO2, CH4), l’intera catena di produzione e fornitura di prodotti alimentari di origine animale sta attualmente alterando in modo significativo gli ecosistemi attraverso il disboscamento delle foreste, l’erosione del suolo e l’inquinamento delle acque.

3. Scegliere meglio i prodotti che si consumano

Ridurre lo sfruttamento animale significa anche pensare a tutte le attività e i meccanismi che contribuiscono alla sofferenza degli animali al momento dell’acquisto di un bene o servizio. Il consumo di prodotti dove i brand si impegnano a non sfruttarli più, o a ridurne il più possibile la sofferenza, deve essere prioritario. Il cibo, l’acquisto di vestiti, cosmetici o un biglietto per un parco a tema per il benessere degli animali senza scrupoli sono tutte considerazioni da fare in anticipo.

4. Educa chi ti è vicino

La sensibilizzazione tra i parenti (famiglia, amici, colleghi) è vantaggiosa. L’obiettivo è sia facilitare il lavoro di ricerca, spesso laborioso e dispendioso in termini di tempo, per i nostri cari (famiglia, amici, colleghi), ma anche mostrare loro alternative etiche (nuove ricette vegetariane/vegane, consumo di imitazioni di carne, marchi responsabili), facile da adottare per non fare un cambiamento troppo repentino e mantenere così piccole abitudini a cui è difficile rinunciare.

Syrus