Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Comprare di seconda mano fa bene al clima

Comprare di seconda mano fa bene al clima

By daniele

Giocattoli, vestiti, mobili, computer, libri, gioielli, biciclette… riciclare è di moda perché economico ed ecologico! E fa anche bene al clima.

La produzione di beni di consumo richiede molte risorse (materiali, energia, acqua) e genera gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale. Uno studio dell’ADEME ha studiato l’impatto dei beni di consumo durante il loro intero ciclo di vita. Scopriamo ad esempio che produrre un singolo smartphone richiede 220 kg di materiali. Per un televisore sono 2,5 tonnellate di materiale e questo emette nell’atmosfera 350 kg di CO2.

Prodotti di seconda mano, perché è una buona scelta

Puoi fare a meno di una serie di prodotti. Tuttavia, l’obiettivo non è raggiungere il consumo zero, ma trovare un migliore equilibrio tra le sue esigenze e i suoi impatti ambientali. È qui che entra in gioco la lancetta dei secondi. Dato l’impatto della fabbricazione di oggetti e dispositivi, è necessario garantire che durino il più a lungo possibile. In totale, la spesa di seconda mano può evitare l’emissione di 200 kg di CO2 per persona all’anno. E ogni gesto conta.

Oggi troviamo davvero di tutto di seconda mano: giochi e giocattoli, vestiti, mobili, smartphone, computer, libri, gioielli, biciclette, attrezzature per l’infanzia, ecc. Si possono possono comprare nei negozi dell’usato, tramite piattaforme di vendita elettronica tra privati ​​(es l’applicazione Vinted) o semplicemente sui gruppi su Facebook, ma anche nei mercatini.

E anche se acquistiamo nuovi, preferiamo oggetti solidi, riparabili e facilmente riciclabili. E ci prendiamo cura di loro: seguiamo le istruzioni per l’uso e soprattutto la manutenzione… È nel nostro interesse che durino a lungo, per usarli, per ottenere un buon prezzo di rivendita o per poterli dare via. Inoltre, quando un oggetto non corrisponde più ad un bisogno ma è in buone condizioni, lo regaliamo, lo rivendiamo o lo barattiamo in modo che possa essere ancora utilizzato.

Il settore del recupero e dell’usato si sta sviluppando bene: il numero degli operatori è quadruplicato in 10 anni. Questa è una tendenza da incoraggiare, sviluppando parallelamente il settore della riparazione in modo che gli oggetti possano essere utilizzati più a lungo.

Syrus