Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Cosa c’è da sapere prima della COP15 sulla biodiversità

Cosa c’è da sapere prima della COP15 sulla biodiversità

By tiziana

Il 7 dicembre a Montreal avrà inizio la COP15, la Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica, che dovrebbe consentire ai governi internazionali di agire per contrastare la crisi della biodiversità.

Al vertice di Rio del 1992, i governi internazionali hanno implementato diverse convenzioni internazionali relative alle questioni ambientali. La più nota è forse l’UNFCCC, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che prevede l’organizzazione regolare di COP (Conferenze delle parti) che riuniscono i leader internazionali intorno alle questioni climatiche. Ma c’è in particolare un’altra convenzione fondamentale firmata nel 1992: la Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD).

Questa convenzione prende atto della crisi che stanno attraversando gli ecosistemi globali: degrado degli ambienti naturali, scomparsa della biodiversità, perdita di risorse naturali, ecc. Istituisce un sistema di COP, come le COP sul clima, che si riuniscono periodicamente per definire obiettivi , obiettivi e concordare strategie per preservare meglio gli ecosistemi e la biodiversità. La COP15, originariamente prevista in Cina nel 2019, è stata rinviata più volte a causa del Covid-19. Si svolgerà dal 7 dicembre a Montreal, per portare avanti i negoziati sulle questioni della biodiversità globale.

Perché questa COP15 sulla biodiversità è fondamentale?

Questo COP è probabilmente uno dei vertici ambientali più importanti degli ultimi anni. Primo, perché la biodiversità è una questione essenziale, molto meno pubblicizzata della crisi climatica, mentre le implicazioni della scomparsa della biodiversità sono gigantesche. La crisi della biodiversità e il degrado degli ecosistemi hanno conseguenze dirette sulla nostra salute, sulla nostra produttività agricola, sulle nostre economie, su industrie come quella farmaceutica. Nel complesso, queste crisi mettono in discussione la capacità delle nostre società di sopravvivere e svilupparsi sulla Terra. La questione della biodiversità e degli ecosistemi è anche al crocevia di tutte le altre crisi ecologiche: la crisi della biodiversità alimenta il cambiamento climatico, incide sulla qualità dell’acqua, dell’aria, sulla resilienza dei nostri territori…

Questa COP è fondamentale anche per la sua tempistica. Arriva dopo la conclusione del round di negoziati avviato nel 2010 nella Prefettura di Aichi, in Giappone, che aveva definito obiettivi e strategia per il periodo 2010-2020. I negoziati di Montreal devono quindi stabilire una nuova tabella di marcia per l’azione internazionale a favore della biodiversità per il periodo 2020-2030. I negoziati devono portare a un accordo quadro, che guiderà l’azione internazionale, un po’ come l’Accordo sul clima di Parigi firmato nel 2015.

A che punto siamo in tema di biodiversità ed ecosistemi?

Tuttavia, questo periodo è davvero cruciale: gli ultimi rapporti dell’IPBES (l’IPCC per la biodiversità) hanno dimostrato che la crisi sta accelerando e che i prossimi anni saranno decisivi se vogliamo preservare le condizioni per una vita sostenibile per l’Umanità. Le decisioni che saranno prese alla COP15 avranno quindi importanti implicazioni per la tutela dell’ambiente nei prossimi anni.

Durante il ciclo che si sta concludendo con gli Accordi di Aichi, i progressi sono stati troppo lenti. Il rapporto pubblicato dalla Convenzione nel 2019 ha mostrato che nessuno dei venti Obiettivi di Aichi era stato raggiunto: né il dimezzamento della perdita di habitat naturali, né la fine dei sussidi per i prodotti dannosi per la biodiversità, né la protezione del 17% delle aree territoriali e il 10% delle aree marine… La situazione è quindi catastrofica: ogni anno i rapporti scientifici mostrano che sempre più specie stanno scomparendo, che la contaminazione ambientale (in particolare da pesticidi) si sta diffondendo, che gli ecosistemi si stanno erodendo. L’IPBES ha annunciato che entro la fine del secolo quasi un milione di specie viventi sarebbero potute scomparire.

Perché le COP sulla biodiversità stanno facendo così pochi progressi?

La biodiversità è un tema estremamente complesso, che riguarda tutte le attività umane. A differenza del riscaldamento globale, per il quale è “sufficiente” ridurre le nostre emissioni di gas serra, agire per preservare la biodiversità coinvolge i lavoratori su molteplici indicatori, attraverso azioni i cui effetti non sono sempre direttamente misurabili. . Dobbiamo gestire contemporaneamente la conservazione degli ambienti, migliorare la qualità dell’aria, dell’acqua, del suolo, lottare contro il riscaldamento globale, agire contro l’artificializzazione dei suoli, cambiare i nostri metodi di gestione agricola e forestale, le nostre pratiche culturali… È quindi più difficile trovare leve di azione semplici e identificabili che creano consenso.

Questa complessità spiega senza dubbio in parte perché le questioni della biodiversità ricevono molta meno copertura mediatica rispetto alle questioni climatiche e perché i leader mondiali sono meno coinvolti in questi problemi. Nel 2018, alla COP14 che si tenne (come la COP27 sul clima) a Sharm-el-Sheikh, pochi capi di Stato avevano fatto il viaggio: la Francia vi era rappresentata anche dal suo ministro per la Transizione ecologica dell’epoca, Emmanuelle Wargon.

D’altronde il contesto internazionale dal 2019 non ha proprio favorito il dialogo sul tema della biodiversità: il Covid-19, poi l’invasione dell’Ucraina o l’inflazione, hanno messo in secondo piano i negoziati della COP. Le sessioni di lavoro intermedie che si sono svolte in particolare a Ginevra nel 2022 hanno ricevuto poca copertura mediatica e non hanno permesso di compiere molti progressi. Il mondo associativo aveva così stimato che le trattative avanzassero a “ritmo gelido”.

Quali temi saranno discussi alla COP15?

Nel 2018, la COP14 aveva consentito di portare avanti gli impegni volontari degli Stati in tema di tutela della biodiversità, e aveva sottolineato la necessità di coordinare le azioni sulla biodiversità con quelle svolte sul clima o sulla lotta alla biodiversità, contro la desertificazione e la deforestazione. Aveva anche dibattuto la questione del ruolo delle comunità locali, in particolare quelle indigene, nella protezione degli ecosistemi. Quest’anno, quattro questioni saranno particolarmente importanti.

La definizione di obiettivi di tutela più ambiziosi, attorno al programma 30/30 Gli obiettivi di Aichi prevedevano la creazione di aree protette sul 17% della terraferma e sul 10% delle aree marine. I testi discussi a Ginevra fissano un obiettivo più ambizioso: 30% su terra e mare Questa è l’idea del programma 30/30: 30% di aree protette entro il 2030. In particolare dall’IPBES, confermano che l’istituzione di aree protette , gestito in modo sostenibile, privo di disturbo antropico, è una delle leve più efficaci per preservare gli ecosistemi e la biodiversità.

Studi recenti sostengono addirittura cifre ancora più alte, e ritengono che dovremmo puntare a circa il 50% del pianeta in aree protette per agire davvero di fronte all’erosione della biodiversità e alla crisi degli ecosistemi. Tuttavia, queste aree non devono essere scelte a caso, e devono corrispondere a ecoregioni ricche di biodiversità o critiche dal punto di vista ecosistemico. Inoltre, queste regioni non sono distribuite uniformemente sul pianeta e lo sforzo di protezione dovrebbe quindi gravare maggiormente su alcuni Stati. Al Costa Rica potrebbe essere richiesto di proteggere più del 70% del suo territorio, al Brasile più del 50%… Russia, Canada, Australia, Cina e Stati Uniti sarebbero tra i paesi chiamati a compiere gli sforzi più protettivi.

Raggiungere un accordo ambizioso su questo tema sarà certamente complesso, perché la tutela delle aree naturali entra spesso in conflitto con i progetti di sfruttamento delle risorse (forestali, minerarie, agricole, marine, ecc.) che spesso rappresentano una priorità economica per questi Stati. Sebbene molti Paesi mostrino buone intenzioni in proposito, i negoziati potrebbero infatti essere difficili e sarà necessario definire chiaramente cosa si intende per area protetta.

L’attuazione di un piano di finanziamento internazionale per la tutela della biodiversità

Come per le questioni climatiche, il finanziamento è una questione essenziale nella lotta alla crisi della biodiversità e una questione che divide i paesi ricchi e quelli poveri. Infatti, la maggior parte delle aree naturali ricche di biodiversità (a volte chiamate hotspot) si trova in paesi poveri o in via di sviluppo, mentre la maggior parte dei paesi ricchi ha già fortemente degradato la propria biodiversità e i propri ecosistemi locali. In accordo con il principio della responsabilità comune ma differenziata, i paesi ricchi dovrebbero in teoria contribuire finanziariamente agli sforzi di protezione nei paesi poveri. Sarebbe quindi necessario creare un fondo, e alimentarlo, per finanziare progetti di conservazione, restauro o transizione.

Un gruppo di Paesi che riunisce nazioni africane, sudamericane e asiatiche spinge per l’adozione di un fondo specifico, alimentato fino a 100 miliardi l’anno e fino a 700 miliardi nel 2030. Ma chi accetterà di pagare? A cosa serviranno i fondi? Con che tipo di controlli? Tutte queste questioni devono essere formalizzate nel futuro accordo.

La questione della fine dei sussidi ai prodotti dannosi per la biodiversità

Altra questione fondamentale: i sussidi per i prodotti nocivi. Oggi la maggior parte dei paesi del mondo continua a sovvenzionare prodotti o modelli di produzione che degradano la biodiversità e gli ecosistemi: combustibili fossili, pesticidi e alcuni modelli agricoli, per esempio. Le pre-discussioni tenutesi a Ginevra chiedevano una riduzione di 500 miliardi all’anno di questi sussidi a livello internazionale. Il mondo associativo, da parte sua, chiede la cessazione dei sussidi per questi prodotti.

Anche in questo caso non è facile raggiungere un consenso, in quanto molto spesso le politiche interne dipendono da questi sussidi. In Francia e in Europa possiamo citare la politica agricola comune che, nonostante la nuova PAC abbia fatto progressi in materia ambientale, continua a sovvenzionare pratiche agricole non sempre molto virtuose. Si potrebbero anche citare i massicci sussidi ricevuti dalle industrie dei combustibili fossili, che continuano nonostante la crisi climatica.

La questione del framing Digital Sequence Information (DSI), ovvero l’accesso alle risorse genetiche della biodiversità

Infine, il tema dei DSI sarà sicuramente discusso alla COP15. Digital Sequence Information, termine tecnico per un argomento altrettanto tecnico, si riferisce a questioni relative al sequenziamento del DNA degli organismi viventi e al suo possibile inquadramento. Chi può sequenziare (e brevettare?) le risorse genetiche della biodiversità globale? A quali condizioni dovremmo aprire l’accesso a queste risorse essenziali? Come ridistribuire i profitti generati dalle industrie che si affidano a queste sequenze? Dietro questo tema c’è la questione più ampia della mercificazione della vita e della privatizzazione delle risorse biologiche. Gli accordi che si troveranno a Montreal potrebbero servire da base per la costituzione di un corpo normativo in materia… Una questione fondamentale per il futuro.

Verranno sicuramente discussi altri argomenti come la consapevolezza, il ruolo delle popolazioni indigene o delle minoranze nella protezione della biodiversità o la misurazione dell’impatto sulla biodiversità. In ogni caso, questa COP promette di essere un vertice cruciale. A pochi giorni dal suo varo, è difficile dire se porterà a un successo simile a quello dell’Accordo di Parigi, o se avrà la stessa sorte della COP15 sul clima, che si tenne nel 2009 a Copenaghen. è ricordato come una delle più grandi delusioni dei negoziati ambientali internazionali. Per scoprirlo, ci vediamo il 19 dicembre. Sperando che il mondiale in Qatar, la cui finale si disputa il giorno prima, lasci un po’ di spazio per parlare di questa COP del mondo biologico.

Syrus