Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Cosa dicono i rapporti sullo stato del clima prima della COP27?

Cosa dicono i rapporti sullo stato del clima prima della COP27?

By tiziana

A pochi giorni dalla COP27, la conferenza annuale dell’Onu sul clima, che si terrà il 6 novembre a Sharm el Sheikh, in Egitto, molte organizzazioni scientifiche e di analisi internazionali stanno pubblicando i loro rapporti annuali sullo stato del clima. Si tratta di un evento cruciale internazionale, un’opportunità per fare il punto sull’evoluzione dello stato del clima e della lotta al riscaldamento globale.

Come si sono evolute le politiche climatiche nazionali e internazionali alla fine del 2022? Siamo sulla strada giusta o no? Grazie ai rapporti dell’Organizzazione meteorologica mondiale, del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, dell’Agenzia internazionale per l’energia o del Climate Action Tracker, possiamo avere una visione globale della questione.

Concentrazioni di gas serra in costante aumento

Non sorprende che questi rapporti portino la loro parte di cattive notizie. Il primo viene dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), il cui rapporto globale sui gas serra è stato recentemente pubblicato. L’osservazione dell’organizzazione è chiara: le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera non sono mai state così elevate.

Il mondo ha ormai superato la soglia simbolica di 415 ppm (parti per milione) per la concentrazione di CO2 nell’atmosfera (rispetto ai 275 prima dell’era industriale). La concentrazione di CO2 è quindi al 150% dei livelli preindustriali. Per il metano, il secondo gas serra per importanza, il dato è ancora più chiaro: i livelli sono attualmente al 260% dei livelli preindustriali. Le emissioni di questo gas (emessi principalmente da perdite dalle operazioni di gas fossile, dal bestiame e da alcuni processi naturali) sono aumentate notevolmente negli ultimi anni.

Secondo l’OMM, questo aumento potrebbe indicare l’inizio di un punto di svolta climatico: quello comunemente chiamato “bomba a metano“. Riassumendo: l’aumento delle temperature globali sconvolge gli ecosistemi naturali umidi (risaie, paludi, mangrovie) che poi rilasciano il carbonio in essi contenuto sotto forma di metano. Ciò indica che è più urgente che mai ridurre le nostre emissioni per evitare un clima instabile.

Un clima in rapido deterioramento, conseguenze drammatiche

Altri rapporti puntano nella stessa direzione e mostrano che il sistema climatico si sta rapidamente deteriorando. Il rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente sulle emissioni (l’Emission Gap Report) indica che, continuando le nostre attuali politiche climatiche, ci dirigeremmo verso un riscaldamento di circa 3 gradi su scala globale, con zone più colpite di altre. Per l’Europa, ad esempio, i rapporti scientifici mostrano che la regione è in preda a ondate di calore sempre più intense, che peggioreranno. Come ogni anno, abbiamo osservato quasi ovunque nel mondo un aumento dei fenomeni meteorologici estremi: incendi, inondazioni, siccità, tempeste…

Questa osservazione è condivisa dalla rivista scientifica The Lancet, che pubblica il suo rapporto su Salute e clima. Anche in questo caso, una chiara osservazione: sono in aumento i disastri naturali e climatici, con un impatto diretto sulla salute delle popolazioni. Negli ultimi 5 anni, le morti legate al caldo estremo sono aumentate di quasi il 70% in tutto il mondo rispetto ai livelli dei primi anni 2000. Questo stesso caldo avrebbe causato quasi 250 miliardi di dollari di danni in tutto il mondo e avrebbe pesato tra l’1 e il 6% del PIL in perdite di produttività nei vari paesi colpiti (ovviamente i paesi più poveri sono i più colpiti).

I ricercatori sottolineano anche che il riscaldamento globale pesa sulla stabilità alimentare globale: ondate di caldo e cambiamenti climatici hanno ridotto il periodo di crescita dei principali cereali, grano e mais, da 6 a 9 giorni. Quasi 100 milioni di persone in più in più di 100 paesi dovrebbero affrontare la fame a causa dell’effetto del clima sull’agricoltura. Infine, il rapporto indica che il riscaldamento globale favorisce la diffusione di patologie come la malaria, la febbre dengue e favorisce lo sviluppo di batteri come il vibrio (che trasmette il colera).

Politiche climatiche in corso, ma insufficienti

Il rapporto del Climate Action Tracket e quello dell’UNEP mostrano inoltre che le politiche climatiche attualmente attuate sono profondamente insufficienti per affrontare il problema climatico.

Secondo l’UNEP, le politiche attuali significherebbero che le nostre emissioni di gas serra continueranno ad aumentare (di circa il 10%) entro il 2030. Tuttavia, il rapporto IPCC Group 3 pubblicato all’inizio di quest’anno indica che seguire una traiettoria climatica accettabile, in grado di mantenere il nel mondo sotto i 2 gradi di riscaldamento, dovrebbero invece scendere del 45%. Questo divario mostra in modo sorprendente il divario che esiste tra le ambizioni climatiche dei diversi paesi del mondo e la realtà fisica del clima.

Nel complesso, il rapporto mostra anche che le politiche attuali sono ancora troppo poco ambiziose rispetto agli impegni presi dagli Stati al precedente COP. E per avere la possibilità di evitare un riscaldamento catastrofico, questi impegni dovrebbero essere aumentati in modo significativo. Nel diagramma sottostante, la curva azzurra indica quella delle nostre attuali polizze, mentre la curva azzurra indica l’obiettivo di rimanere al di sotto dei 2 gradi (le curve NDC indicano gli impegni presi al COP precedente).

Il rapporto Climate Action Tracker mostra anche che nessuno degli obiettivi della politica climatica globale è davvero sulla buona strada per essere raggiunto per il 2030. Solo 6 obiettivi vanno più o meno nella giusta direzione, principalmente legati allo sviluppo, ai veicoli elettrici e alle energie rinnovabili. Per quanto riguarda lo sviluppo dei trasporti pubblici o delle reti ciclabili, la riduzione del consumo di prodotti di origine animale, la lotta alla deforestazione, siamo lontani dal segno. Su determinati obiettivi, come la dipendenza dalle singole auto o le emissioni agricole, la tendenza va addirittura nella direzione sbagliata.

COP27: agire su problemi strutturali

Da questi vari rapporti si può trarre la conclusione che la lotta al riscaldamento globale non è stata ancora realmente affrontata alla radice da tutti i paesi del mondo. Le politiche messe in atto sono sia insufficienti che scarsamente calibrate. Insufficienti perché gli obiettivi internazionali sono ben al di sotto di quanto sarebbe necessario, poco calibrati perché non affrontano a sufficienza le questioni essenziali.

Ad esempio, in termini di trasporto, lo sviluppo del veicolo elettrico avviene senza una strategia complessiva che ci permetta di allontanarci dal modello del singolo veicolo. Ci accontentiamo di sostituire i veicoli termici con quelli elettrici senza cambiare davvero il sistema di trasporto nel suo insieme, senza pensare a una transizione verso la sobrietà, che l’IPCC ha ricordato quest’anno come essenziale. Lo stesso vale per il sistema di produzione di energia.

La protezione degli ecosistemi (lotta alla deforestazione, al degrado delle mangrovie, al degrado dei pozzi di carbonio) è ancora largamente dimenticata nelle politiche globali. Anche questioni cruciali come la cooperazione internazionale e l’assistenza finanziaria ai paesi in via di sviluppo vengono ampiamente ignorate.

A pochi giorni dalla COP27, tutti i rapporti convergono su un’unica conclusione: le luci sono (ancora) rosse ed è necessaria una vera spinta nella lotta al riscaldamento globale. Ora, con la guerra in Ucraina, la svolta autoritaria della Cina, la crisi energetica e l’inflazione in sottofondo, non è certo che le voci della lotta contro il riscaldamento globale riescano a farsi sentire quest’anno…

Syrus