TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Crisi ecologica: le soluzioni miracolose non esistono

Crisi ecologica: le soluzioni miracolose non esistono

Quando si tratta di ecologia, le soluzioni miracolose spesso si rivelano vicoli ciechi. E se smettessimo di illuderci e di credere di poter risolvere facilmente il problema?

Oggi non ci sono più dubbi sul fatto che la crisi ecologica sia la grande sfida che le nostre società dovranno affrontare se vogliono sopravvivere. Tutta la vita umana e le attività delle nostre società dipendono dagli ecosistemi naturali e dalla loro vitalità. Ma oggi il nostro modo di sviluppo mette in discussione questa fattibilità. Le nostre emissioni di CO2 causano il riscaldamento globale, la nostra agricoltura distrugge la biodiversità, l’espansione urbana incontrollata e l’invasione delle aree naturali provoca l’erosione del suolo e la scomparsa degli ecosistemi. Insomma: se vogliamo superare la crisi ecologica, dovremo trovare delle soluzioni.

Da diversi anni, un certo numero di attori sembra essere consapevole di questa urgenza e sta lavorando per sviluppare modelli in grado di limitare i nostri impatti negativi sull’ambiente. Regolarmente, ci viene detto che abbiamo trovato LA soluzione a tutti i nostri problemi ecologici. Parliamo sempre di più dell’auto elettrica o a idrogeno per limitare le nostre emissioni di CO2 legate ai trasporti, della dieta vegana o delle carni sintetiche per limitare l’impatto della nostra dieta, degli aspirapolvere a CO2 per catturare e immagazzinare il carbonio dall’atmosfera, high-tech barche per raccogliere plastica dagli oceani e persino energia rinnovabile per produrre energia a basse emissioni di carbonio. Per ascoltare i difensori di queste soluzioni, basterebbe metterle in atto velocemente per risolvere i nostri problemi ambientali. Ci sarebbero quindi soluzioni relativamente semplici alla crisi ecologica. Ma cos’è veramente?

Problema ecologico complesso, soluzione semplice: l’equazione impossibile

Questi discorsi ottimisti e risoluzionisti detengono davvero la chiave per risolvere la crisi ecologica? Se analizziamo nel dettaglio le loro proposte, sembra che al momento la risposta sia negativa. Queste soluzioni apparentemente semplici in realtà resistono piuttosto male all’analisi quando si confrontano con la complessità della realtà e il problema che dovrebbero risolvere. In effetti, nessuna di queste soluzioni miracolose sembra davvero sufficientemente efficace per liberarci dalla crisi ecologica.

Prendiamo ad esempio l’auto elettrica. Viene spesso presentata come LA soluzione per la mobilità sostenibile e le “emissioni zero”. Ma in effetti, l’auto elettrica ha anche un impatto sull’ambiente. Innanzitutto non è “emissioni zero”: emette CO2, fino a quanto emette il mix elettrico utilizzato per la ricarica. Vale a dire, se guidi un’auto elettrica carica su una rete a carbone, probabilmente emetti tanto o anche più CO2 rispetto a un’auto a benzina. Affinché un’auto elettrica emetta poca CO2, deve essere ricaricata con una miscela priva di emissioni di carbonio (rinnovabile e/o nucleare) e, di nuovo, emetterebbe comunque CO2. Ma in più, l’auto elettrica pone altri problemi ecologici: la gestione dei metalli e dei materiali utilizzati nelle batterie, o il loro riciclaggio a fine vita, per esempio. In ogni caso, quindi, c’è sempre un notevole impatto sull’ambiente, anche se l’auto elettrica è molto più ecologica dell’auto a benzina o diesel.

Un altro esempio: l’idea che il passaggio a una dieta vegana risolverebbe la questione delle emissioni di CO2 è abbastanza comunemente difesa in alcuni ambienti ecologici. Ma nulla, in realtà, supporta l’idea che basterebbe a tutti diventare vegani per fermare il riscaldamento globale. In primo luogo, perché le emissioni legate alla carne sono solo una piccola parte delle nostre emissioni di CO2 (circa il 5% dell’impronta di carbonio di un francese) e anche eliminarle del tutto non risolverebbe il problema del riscaldamento globale. Quindi, dovresti sapere che man mano che la comprensione del legame tra riscaldamento globale ed ecosistemi agricoli migliora, sempre più scienziati difendono l’idea che la dieta vegana non è necessariamente la migliore per il pianeta (vedi il nostro articolo su questo argomento: La dieta vegana non è il più ecologico, secondo gli scienziati). Regolarmente, scopriamo che i cibi vegetali non sono così ecologici come pensavamo. Così, alcuni anni fa, i ricercatori hanno dimostrato che la produzione mondiale di riso emetterebbe tanto, se non di più, metano (un potente gas serra) rispetto all’allevamento. Ci siamo anche resi conto che non tutto era negativo nell’allevamento e che contribuiva a immagazzinare carbonio nel suolo, preservare alcuni ecosistemi, proteggere la qualità organica del suolo.

Quanto alla proposta di consumare “carne sintetica”: è anche difficile da difendere visto il notevole impatto ambientale (per non parlare del costo finanziario) della fabbricazione di questi prodotti.

Il problema di fondo è che quando si parla di queste “soluzioni”, spesso ci si concentra su un singolo aspetto del problema, senza tener conto della complessità complessiva del sistema che è all’origine del problema ecologico iniziale.

Ecologia, soluzioni semplici, report di impatto e costi nascosti

Quindi, se l’auto elettrica consente davvero di ridurre le emissioni di CO2 durante la guida, non fa che spostare il problema delle emissioni su un altro livello: quello della produzione di energia elettrica. E per ridurre le emissioni di CO2 a questo livello occorrono le cosiddette energie “decarbonate”, che pongono anche un certo numero di problemi a livello ecologico. L’energia nucleare, ad esempio, non emette CO2, ma solleva alcuni interrogativi in ​​termini di scorie radioattive o di sicurezza. Le energie rinnovabili, se hanno il vantaggio di essere teoricamente illimitate ed emettere poca CO2, pongono problemi in termini di materiali, fine vita ed equilibrio della rete elettrica (vedi il nostro articolo: Le energie rinnovabili sono ecologiche?). La soluzione quindi non è semplice, perché molto spesso consiste principalmente nel posticipare l’impatto: invece di inquinare durante la guida, inquiniamo a monte, quando estraiamo materiali o produciamo energia. .

Lo stesso vale per lo stoccaggio della CO2: le tecnologie attuali consentono certamente di immagazzinare il carbonio aspirandolo dall’atmosfera, ma questo richiede molta energia. Alla fine, con le tecnologie di accumulo di CO2, assorbiamo meno CO2 di quella che emettiamo a causa dell’energia consumata. In genere, questo è il problema delle soluzioni “high-tech” rispetto ai problemi ecologici: poiché tendono a richiedere molta energia e materiali, alla fine sono spesso piuttosto inquinanti, generando a volte più inquinamento di quanto non facciano. t salvare.

Ci sono anche soluzioni che sono semplicemente inefficaci. Ad esempio, sono in corso diversi progetti di alto profilo per raccogliere la plastica oceanica. Questi progetti sono regolarmente presentati come LA soluzione per ripulire l’oceano. Ma in realtà nessuna oggi è in grado di entrare in profondità nelle microplastiche, che sono davvero problematiche: sono quindi regolarmente messe in discussione dalla comunità scientifica, il che non impedisce loro di fare notizia (per maggiori informazioni sull’argomento si veda: Inquinamento da plastica di gli oceani: questa soluzione miracolosa che non esiste).

La complessità di soluzioni ecologiche efficaci

Questa osservazione che le soluzioni presentate come “miracolose” raramente sono efficaci può essere ripetuta a piacimento: per le auto a idrogeno (un carburante la cui produzione richiede tanta energia che il suo impatto ecologico complessivo non è buono), per l’idea di piantare alberi per assorbire CO2 (progetto impossibile da realizzare e insufficiente rispetto alle nostre emissioni di CO2) e molti altri. Anche il biologico, generalmente considerato un buon esempio di agricoltura ecologica, non è esente da difetti: ha rese inferiori, richiede più terra, anche i prodotti come il solfato di rame che utilizza pongono problemi ecologici. Quindi non esiste davvero una soluzione miracolosa.

Isolando parte del problema, queste soluzioni dimenticano che la crisi ecologica è in realtà sistemica. Ad esempio, non è solo il fatto che produciamo la nostra energia da fonti fossili a rappresentare un problema. È la stessa produzione di energia che, per sua natura, è inquinante: non c’è energia pulita (si applicano i principi della termodinamica) e qualsiasi produzione di energia avrà sempre impatti sull’ambiente. Possiamo ridurli, ovviamente, passando a fonti più sostenibili, ma affinché ciò sia fattibile a lungo termine, dobbiamo andare oltre. Dobbiamo ridurre il nostro consumo di energia per soddisfare i nostri bisogni senza spendere troppa energia. Stessa cosa per la plastica: non importa quanto facciamo per recuperarla, inventare la migliore abilità tecnica per filtrare l’acqua degli oceani, sarà sempre un problema finché continueremo a consumarne miliardi di tonnellate ogni anno. . Bisogna limitare la produzione di plastica alla fonte, massimizzare il riciclo, scegliere materiali meno inquinanti: tutto questo allo stesso tempo. Per il cibo è la stessa cosa: non è solo ciò che consumiamo a creare un problema, ma il modo in cui lo produciamo e come lo consumiamo. Se continuiamo a pensare all’agricoltura in modo industriale e ultra-intensivo, senza tener conto delle interazioni tra i diversi ecosistemi, anche privarci di quasi tutti gli alimenti possibili non risolverà la questione degli impatti ambientali dell’agricoltura. Per fare ciò sarà necessario ripensare il sistema, ispirandosi alle pratiche agro-ecologiche, ma mantenendo alcune moderne tecniche agricole quando sono rilevanti. Dovremo ridurre gli sprechi alimentari, cambiare le nostre abitudini alimentari, passare a una produzione più sostenibile: tutto allo stesso tempo, senza limitarsi a un solo aspetto.

Quello che dobbiamo essere in grado di pensare, infatti, è una messa in discussione globale del nostro sistema di produzione e consumo. Questo sistema, progettato e progettato per massimizzare la produzione, non ha mai integrato nel suo modello la questione delle esternalità ambientali e questo è il problema. È l’intero sistema che è malato e provare ad applicargli dei cerotti senza affrontare la causa del problema non farà che ritardare la scadenza nel migliore dei casi. Le soluzioni rapide non funzionano e l’unica cosa che davvero potrebbe funzionare sembra essere quello che richiederà il massimo sforzo collettivo da parte nostra. Ed è giunto il momento di rendersene conto per iniziare, rapidamente, ad affrontare questi problemi reali.