TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Deforestazione: definizione, cause, conseguenze e soluzioni

Deforestazione: definizione, cause, conseguenze e soluzioni

La deforestazione è il fenomeno di riduzione delle aree forestali. Parliamo di deforestazione quando aree forestali vengono definitivamente perse (o almeno perse a lungo termine) per altri usi come l’agricoltura, l’urbanizzazione o le attività minerarie.

Le cause della deforestazione

In tutto il mondo, la perdita di aree forestali, la deforestazione è causata da molteplici fattori, alcuni umani e altri naturali. I fattori naturali includono incendi boschivi, malattie che possono colpire alberi o parassiti.
Ma sono principalmente le attività umane ad essere responsabili della deforestazione globale.

Secondo il rapporto sullo Stato mondiale delle foreste pubblicato dalla FAO nel 2016, quasi l’80% della deforestazione globale è causato dall’agricoltura, il restante 20% essendo distribuito tra la costruzione di infrastrutture (strade, dighe) prima, poi l’attività mineraria attività e infine urbanizzazione. Nel dettaglio, ecco alcune delle principali cause di deforestazione:

  • Agricoltura, che rappresenta l’80% della deforestazione. Può essere agricoltura commerciale o agricoltura di sussistenza (agricoltura contadina locale, in particolare nei paesi in via di sviluppo)
  • L’agricoltura di sussistenza rappresenta dal 30 al 35% della deforestazione globale
  • L’agricoltura commerciale o industriale (coltivazioni in campo e bestiame) rappresenterebbe dal 45 al 50% della deforestazione
  • Il bestiame è la causa di circa il 14% della deforestazione nel mondo
  • La costruzione di infrastrutture rappresenterebbe circa l’8% della deforestazione
  • Le attività minerarie sarebbero responsabili di circa il 6% della perdita di foreste
  • Urbanizzazione intorno al 5%

Contrariamente a quanto spesso si sente, le industrie forestali non sono quindi tra i maggiori colpevoli della deforestazione. La spiegazione è semplice: le aziende del settore forestale sfruttano il più delle volte le aree forestali coltivate, cioè foreste che vengono regolarmente ripiantate per essere sfruttate in modo sostenibile.

Le conseguenze della deforestazione

La deforestazione ha molte conseguenze sugli ecosistemi naturali e ciò pone seri problemi di resilienza.

1. Conseguenze della deforestazione sulla biodiversità

La conseguenza più nota della deforestazione è la minaccia alla biodiversità. In effetti, la foresta è un habitat molto denso in termini di biodiversità globale, con alcune foreste che sono addirittura veri e propri hub di biodiversità tra i più ricchi del mondo. Che si tratti di mammiferi, uccelli o anche insetti, anfibi o piante, la foresta ospita specie a volte rare, spesso fragili.

Distruggendo questi ambienti naturali, le attività umane minacciano quindi l’esistenza di queste specie e ciò può avere conseguenze significative sull’equilibrio naturale. Pertanto, in alcune regioni dell’Africa, le grandi scimmie come i gorilla d’argento sono in pericolo a causa della graduale riduzione del loro habitat naturale, in particolare a causa della deforestazione.

La deforestazione indebolisce anche il suolo. La presenza di un bosco su un suolo, infatti, tende a rendere questo suolo più ricco di sostanza organica, ma anche più resistente alle intemperie o all’erosione. Di conseguenza, quando un’area forestale viene distrutta, il suolo si indebolisce gradualmente e rende l’ecosistema più vulnerabile a disastri naturali come frane o inondazioni.

2. Conseguenze della deforestazione sui cambiamenti climatici

La deforestazione ha anche un impatto molto forte sul cambiamento climatico. In effetti, gli alberi immagazzinano CO2 per tutta la loro vita. Distruggendo questi alberi, riduciamo quindi la capacità dell’ecosistema globale di immagazzinare CO2. Meno alberi significa meno CO2 assorbita e quindi più effetto serra. Di conseguenza, si stima che la deforestazione sia responsabile a livello globale dell’equivalente dell’11,3% delle emissioni di CO2 di origine antropica, rendendola uno dei maggiori contributori al riscaldamento globale a parità di circa il trasporto su strada e il consumo energetico degli edifici.