Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Ecologia: ha senso la conquista dello spazio?

Ecologia: ha senso la conquista dello spazio?

By tiziana

Miliardari e governi si stanno rilanciando nella corsa allo spazio, ma la conquista dello spazio inquina molto? Dobbiamo smettere di investire nel settore per ridurre il nostro impatto ambientale? O al contrario, l’esplorazione dello spazio è la chiave per una transizione sostenibile globale? La ricerca spaziale è utile da un punto di vista ecologico? Queste sono domande che vengono affrontate raramente quando si parla di spazio, eppure sono importanti.

L’impatto ambientale della conquista dello spazio

Per dirla chiaramente, l’esplorazione dello spazio, sia da parte di miliardari che di astronauti più tradizionali, genera un inquinamento significativo. Per un solo volo di dieci minuti, vengono emesse nell’atmosfera quasi 80 tonnellate di CO2 equivalente. Questa è più di 6 volte la quantità di CO2 emessa da un italiano in un anno intero, o quanto un indiano per 40 anni. A queste emissioni dirette vanno aggiunte tutte le emissioni indirette (costruzione di razzi, infrastrutture, produzione di carburanti, ecc.) e tutte le risorse necessarie, nonché i relativi impatti ambientali. E, naturalmente, tutto questo su processi che a volte richiedono anni. Anni di lavoro e impatti ambientali per un unico volo spaziale.

Quindi, ovviamente, non effettuiamo voli spaziali tutti i giorni. E questo non riguarda molte persone. Di conseguenza, l’inquinamento legato all’industria spaziale rimane per il momento molto contenuto rispetto all’inquinamento generato dal traffico automobilistico, dalla produzione di energia o anche dalla produzione agricola, che riguardano tutti, tutto l’anno. L’industria spaziale non rappresenta quindi una quota significativa delle emissioni e dell’inquinamento globali.

Mettere in discussione l’utilità della conquista dello spazio

Tuttavia, possiamo chiederci: in un contesto in cui dobbiamo limitare le nostre emissioni di gas serra e la nostra impronta sulla natura in generale, dovremmo continuare a sviluppare questo settore inquinante? La risposta a questa domanda non è necessariamente semplice. In effetti, in linea di principio, tutte le attività umane causano impatti ambientali, tutte le industrie sono inquinanti. Se si dovessero fermare tutte le industrie inquinanti, bisognerebbe fermare la società e l’intero sistema economico. Allora perché fare la domanda specificamente per l’industria spaziale?

Questo dibattito cristallizza in realtà la questione dell’equilibrio tra l’utilità sociale di un’attività e gli impatti ambientali che genera. In una società costretta da pressioni ecologiche e risorse limitate, non è più possibile “fare tutto”. Bisogna fare delle scelte: quali impatti ambientali sono considerati giustificati (perché consentono agli individui di vivere, ad esempio) e quali sono considerati ingiustificati (perché non necessariamente nell’interesse generale). Per l’industria spaziale, questa domanda si pone seriamente: valgono gli impatti generati dal settore? Rispondere a questa domanda implica sapere, fondamentalmente, a cosa serve l’industria spaziale.

Le molteplici facce dell’economia spaziale

Se si tratta, come prevedono i miliardari-astronauti che si stanno moltiplicando in questi mesi, di sviluppare il turismo spaziale, allora il settore avrà probabilmente un’utilità sociale molto limitata, oltre che molto diseguale. Compagnie come Virgin Galactic prevedono di offrire 400 voli turistici spaziali all’anno entro pochi anni. Voli accessibili solo ai cittadini più privilegiati, ma che, a differenza del turismo tradizionale, produrranno poca o nessuna ricchezza che sarà condivisa dalle comunità locali.

In questo contesto, sostenere lo sviluppo di un’industria del volo per il turismo spaziale sembra profondamente contraddittorio con le ambizioni mostrate altrove in materia ecologica. Anche se stiamo cercando di ridurre i voli in aereo, come giustificare lo sviluppo dei voli spaziali, che sono tuttavia molto più inquinanti e riservati a una popolazione ancora più ristretta? Da un punto di vista etico, oltre che da un punto di vista ambientale e sociale, l’argomento sembra difficile da sostenere.

Ma l’industria spaziale non riguarda solo le prospettive del turismo spaziale. In teoria, l’esplorazione spaziale potrebbe consentire di trovare nuove risorse, utili per la Terra, e forse anche per la transizione ecologica. Potenzialmente, l’industria spaziale rappresenta vie per la ricerca e l’innovazione. Nuovi processi potrebbero essere scoperti grazie agli sviluppi tecnici delle aziende coinvolte nell’industria spaziale, processi che potrebbero, chissà, servire la trasformazione sostenibile dei nostri sistemi economici. Potremmo persino, grazie all’esplorazione spaziale, trovare nuovi luoghi abitabili per gli umani. In teoria. In ogni caso, queste sono alcune delle argomentazioni di chi difende l’interesse dell’esplorazione spaziale, ma che dire in pratica?

Esplorazione dello spazio, sviluppi tecnologici

Se osserviamo la storia dell’industria spaziale, possiamo vedere che a volte è legata a determinati progressi scientifici o tecnici. Il GPS, ad esempio, e tutte le utili applicazioni che ne derivano, non sarebbero niente senza le tecnologie spaziali. Dalle tecnologie spaziali dipendono anche alcune tecnologie legate alla transizione ecologica: è il caso, ad esempio, di molte tecniche utilizzate per monitorare e misurare indicatori ambientali (temperatura, CO2, ecc.).

Analizzando le ricadute dell’economia spaziale, vediamo che i settori dell’osservazione della terra, della gestione ambientale e della climatologia hanno beneficiato delle ricadute (particolarmente tecniche) dell’economia spaziale. In un certo senso, anche tecnologie come i pannelli solari hanno beneficiato degli sforzi di ricerca delle agenzie spaziali. È vero che i pannelli solari sono esistiti indipendentemente dall’industria spaziale, ma alcune innovazioni sono state sviluppate in parte grazie ai finanziamenti del settore dell’esplorazione spaziale.

Ma allora, in pratica, l’industria spaziale può ancora mantenere le sue promesse come catalizzatore per il progresso e la transizione sostenibile? È possibile. E gli attori del settore sono i primi a mettere in luce il legame tra esplorazione spaziale e ricerca scientifica. Possiamo immaginare che domani l’economia spaziale consentirà progressi nell’energia pulita, nella ricerca sanitaria o nella protezione della biodiversità.

Tuttavia, l’analisi del settore oggi e le proiezioni per i prossimi anni probabilmente ci incoraggiano ad adottare una posizione molto sfumata su questo tema. Certamente oggi una parte dei finanziamenti legati all’esplorazione spaziale serve industrie legate al progresso sociale o ecologico. Ad esempio, degli oltre 6 miliardi di budget dell’Agenzia spaziale europea, circa il 22% finanzia l’osservazione della terra, che viene in parte utilizzata per comprendere meglio i cambiamenti climatici o i cicli del carbonio. Ma la stragrande maggioranza del denaro investito nei programmi spaziali internazionali alimenta usi la cui utilità collettiva è più discutibile.

Syrus