Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

ExxonMobil, TotalEnergies: la lenta trasformazione verde dei giganti petroliferi

ExxonMobil, TotalEnergies: la lenta trasformazione verde dei giganti petroliferi

By daniele

Dopo molti anni di silenzio e bugie sull’influenza dei combustibili fossili sul riscaldamento globale, i giganti del petrolio stanno ora cercando di diventare verdi, senza cambiare la ricetta.

Negli ultimi dieci anni sono stati pubblicati molti libri, documentari, articoli giornalistici e scientifici con l’obiettivo di verificare, denunciare e contraddire il discorso dei maggiori industriali. Con l’aggravarsi della crisi climatica, i giganti del petrolio e del gas vengono ora aspramente criticati per la loro inazione, o peggio, per aver nascosto consapevolmente le conseguenze del riscaldamento globale delle loro attività. Una “grande menzogna” che il segretario generale delle Nazioni Unite ha condannato durante il suo discorso al forum di Davos il 18 febbraio 2023, pochi giorni dopo la pubblicazione di uno studio sulla compagnia petrolifera americana ExxonMobil. L’azienda sapeva già nel 1970 che i combustibili fossili giocavano un ruolo importante nel riscaldamento globale.

Decenni dopo, finalmente viene fuori la verità sulle strategie di influenza utilizzate da queste compagnie petrolifere. Appropriazioni indebite che non si limitano solo ai combustibili fossili, ma anche al tabacco, ai prodotti chimici, ai pesticidi, all’alcool, all’edilizia… gli effetti indesiderati delle loro attività sull’ambiente, la biodiversità e la salute. Ma con la diffusa consapevolezza di queste forme di manipolazione, la pillola ora è molto più difficile da ingoiare.

La storia dell’amianto è piuttosto sintomatica di questa relazione tra ricerca del profitto, menzogna e benessere generale. Le proprietà ignifughe, la flessibilità, la resistenza e il prezzo di questo minerale fibroso hanno reso l’amianto una delle celebrità del secolo scorso. Colla, vernice, isolante, piastra riscaldante… l’amianto era ovunque. Ancora oggi, secondo l’ONA  ci sono ancora 58 milioni di mq di coperture in cemento-amianto, oltre a 40 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto.

I giganti del petrolio, tra silenzi e comunicazioni fuorvianti

Di recente, due studi molto pubblicizzati hanno rivelato, grazie agli archivi dei colossi petroliferi, che questi ultimi erano consapevoli delle ripercussioni delle loro attività sul riscaldamento globale. Il più recente, pubblicato quest’anno sulla rivista Science, rivela la bontà del modello predittivo climatico della società americana ExxonMobil, in funzione dalla fine degli anni 70. Gli autori dello studio stimano che tra il 63 e l’83% delle proiezioni le condizioni meteorologiche dell’azienda si sono dimostrate accurate.

Nel 2021, un team di ricercatori francesi ha scavato negli archivi dell’azienda ora ribattezzata TotalEnergies. Almeno dagli anni ’70, la compagnia petrolifera è stata allertata sulle conseguenze delle emissioni di gas serra (GHG) e dagli anni ’80 era totalmente lucida sul futuro clima del pianeta.

Mentre il silenzio è stato all’ordine del giorno fino alla fine del decennio, la consapevolezza generale del problema climatico sta spingendo le compagnie petrolifere ad organizzarsi. È in atto un movimento internazionale per ritardare il dispiegamento di future politiche ambientali, dannose per il business delle compagnie petrolifere.

La conoscenza scientifica si sta infatti affinando e la società è sempre meno ingannata da questi discorsi. Studi e rapporti scientifici, in particolare quelli dell’IPCC, il primo dei quali uscito nel 1990, si sono moltiplicati in tutto il mondo per documentare le conseguenze dei GHG sull’ambiente. Ciò ha avuto l’effetto di neutralizzare gradualmente il discorso dei climatoscettici più influenti. Oggi poche persone, almeno nel mondo scientifico, osano contestare la realtà del riscaldamento globale.

I colossi petroliferi e la svolta green

Questo consenso ha spinto i colossi petroliferi a intraprendere una nuova transizione più verde, pur continuando a finanziare nuovi progetti fossili. Dal 2021, il Total francese è diventato TotalEnergies. Nuovo nome, nuova identità visiva e nuova strategia per mostrare un nuovo impegno verso energie più verdi ed ecologiche. TotalEnergies ora punta alla neutralità del carbonio entro il 2050 (per i 3 ambiti). Strategia che hanno deciso di seguire anche le altre grandi compagnie petrolifere ExxonMobil, Eni, BP.

Nonostante questi annunci, persistono i timori da parte di politici e attivisti ambientali che stentano a credere alla sincerità delle aziende nella lotta al riscaldamento globale e alla distruzione della biodiversità. In totale, decine di denunce sono state presentate in tutto il mondo da città, governi e associazioni contro i colossi petroliferi. Innanzitutto per aver ignorato e nascosto gli effetti delle loro attività sul riscaldamento globale. Poi, perché nonostante la comprovata distruzione dell’ambiente, le compagnie energetiche continuano a finanziare progetti inquinanti. Più di recente, il progetto di oleodotto TotalEnergies EACOP (East African Crude Oil Pipeline) in Uganda e Tanzania è al centro del dibattito. Questa “bomba climatica” di oltre 400 pozzi distribuiti su 1443 km di lunghezza è già in costruzione in questi paesi dell’Africa orientale, dove sta distruggendo molte aree naturali. Si prevede che emetta 34 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, quasi quanto le emissioni nazionali di Uganda e Tanzania.

Sebbene la responsabilità sia principalmente delle aziende dietro i progetti inquinanti, anche il resto del mondo è in parte responsabile. L’ultimo rapporto dell’AIE (2023) ci ricorda che le società sono ancora troppo dipendenti dai combustibili fossili nonostante il rapido dispiegamento di energie rinnovabili. Il petrolio rimane ancora oggi l’energia primaria più utilizzata, rappresentando il 29% del consumo mondiale nel 2021, poco prima del carbone (26%) e del gas naturale (23%).

Syrus