Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

L’aumento dello scioglimento dei ghiacci in Antartide rallenta drasticamente i flussi oceanici globali

L’aumento dello scioglimento dei ghiacci in Antartide rallenta drasticamente i flussi oceanici globali

By daniele

La “circolazione inversa” degli oceani, guidata dal movimento dell’acqua più densa verso il fondo marino, aiuta a fornire calore, carbonio, ossigeno e nutrienti vitali in tutto il mondo.

Ma i flussi delle acque oceaniche profonde dall’Antartide potrebbero diminuire del 40% entro il 2050, secondo uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

“È incredibile vedere che ciò accada così rapidamente“, ha affermato Alan Mix, paleoclimatologo dell’Oregon State University e coautore delle ultime valutazioni dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, che non ha partecipato allo studio. “Sembra che stia iniziando proprio adesso. È una notizia da prima pagina.”

Con l’aumento delle temperature, l’acqua dolce proveniente dallo scioglimento del ghiaccio antartico entra nell’oceano, riducendo la salinità e la densità dell’acqua superficiale e diminuendo questo flusso verso il basso e quindi verso il fondo del mare.

Mentre la ricerca precedente ha esaminato cosa potrebbe accadere a una simile circolazione ribaltata nel Nord Atlantico – il meccanismo alla base dello scenario apocalittico che vedrebbe l’Europa soffrire di un’esplosione artica mentre il trasporto di calore si indebolisce – meno è stato fatto sulla circolazione dell’acqua di fondo dell’Antartide.

Gli scienziati hanno fatto affidamento su circa 35 milioni di ore di calcolo in due anni per eseguire una varietà di modelli e simulazioni fino alla metà di questo secolo, scoprendo che la circolazione delle acque profonde in Antartide potrebbe indebolirsi a una velocità doppia rispetto a quella del Nord Atlantico.

“Questi sono enormi volumi d’acqua… e questi sono pezzi di oceano che sono rimasti stabili per molto tempo“, ha detto il coautore dello studio Matthew England, oceanografo dell’Università del New South Wales, durante una conferenza stampa.

L’effetto dell’acqua di disgelo sulla circolazione oceanica globale non è stato ancora incluso nei modelli complessi utilizzati dall’IPCC per descrivere i futuri scenari di cambiamento climatico, ma sarà significativo, ha affermato England.

Il ribaltamento degli oceani consente ai nutrienti di risalire dal fondo, con l’Oceano Antartico che sostiene circa i tre quarti della produzione mondiale di fitoplancton, la base della catena alimentare, ha affermato un secondo coautore dello studio, Steve Rintoul.

“Se rallentiamo l’affondamento vicino all’Antartide, rallentiamo l’intera circolazione e quindi riduciamo anche la quantità di nutrienti che tornano in superficie dalle profondità dell’oceano“, ha affermato Steve Rintoul, membro del Commonwealth Scientific and Organizzazione per la ricerca industriale in Australia (CSIRO).

I risultati dello studio suggeriscono anche che l’oceano potrebbe non essere in grado di assorbire così tanta anidride carbonica poiché i suoi strati superiori diventano più stratificati, lasciando più CO2 nell’atmosfera.

Lo studio ha mostrato che le intrusioni di acqua calda nella piattaforma glaciale dell’Antartide occidentale aumenterebbero, ma non ha esaminato come ciò potrebbe creare un effetto di feedback e generare ancora più scioglimento.

“Non include scenari di disastro“, ha detto Alan Mix. “In questo senso, in realtà è una specie di conservatore.“

Syrus