TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Qual è il latte più ecologico (vegetale o animale)?

Qual è il latte più ecologico (vegetale o animale)?

Qual è il latte più ecologico? Dovremmo scegliere latte vaccino, latte di soia, latte di mandorla o anche latte di cocco o latte di riso? Vediamo quale latte è amico dell’ambiente.

Il latte è un alimento estremamente comune in particolare nelle diete acidificate occidentali. Dato l’elevato consumo, può essere interessante sapere qual è l’alternativa più ecologica tra il classico latte vaccino, altri latte animali (caprino, pecora, ecc.) e vegetali (mandorla, soia, cocco) o riso per esempio.

Quindi quale latte ha il maggiore impatto sull’ambiente? Vediamo cosa dicono gli scienziati a riguardo.

Qual è il latte più ecologico: alcuni elementi per capire

Sono stati condotti diversi studi per confrontare le impronte ecologiche di diverse forme di latte. Questi studi sono chiamati LCA o valutazioni del ciclo di vita. Il loro obiettivo: valutare gli impatti ambientali di un prodotto o servizio, dalla fase iniziale della sua produzione al suo fine vita. Il problema è che a quanto pare non è stato condotto alcuno studio per confrontare tutti i tipi di latte contemporaneamente. Fondamentalmente, c’è uno studio che confronta il latte di mandorla con quello di vacca, un altro che confronta il latte di cocco con altri tipi di latte vegetali, un altro studio che confronta il latte di soia con il latte di vacca. Alcuni studi hanno confrontato l’impronta ecologica dei latticini a base di latte di capra con quelli di vacca o di pecora. Ma nessuno studio ha confrontato tutti questi elementi contemporaneamente.

Tuttavia, ciascuno di questi studi o LCA si basa su ipotesi e protocolli diversi, quindi è difficile confrontarli tra loro. Tuttavia, sulla base dei loro risultati, si possono trarre conclusioni generali che danno un’idea dell’impronta ecologica dei diversi tipi di latte.

Tutti i tipi di latte hanno una forte impronta ecologica

Quindi cosa dicono questi studi? Vediamo i confronti tipo di latte per tipo di latte.

Latte di soia o latte di mucca?

Uno studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori svedesi per confrontare le LCA (Life Cycle Assessments) della produzione di latte vaccino industriale convenzionale con quelle della produzione di latte di soia a marchio Alpro, prodotto in Belgio. I risultati dello studio mostrano che, contrariamente alla credenza popolare, non esiste una risposta chiara alla domanda se il latte di soia sia più ecologico del latte vaccino.

Pertanto, lo studio conclude che “il latte di soia ha un maggiore impatto ambientale diretto (in particolare a causa del degrado del suolo e della deforestazione), mentre il latte vaccino può a sua volta avere maggiori impatti a lungo termine su aspetti come il riscaldamento globale, l’acidificazione degli oceani e l’eutrofizzazione. ” Soprattutto, questo risultato mostra che in realtà ogni latte ha impatti diversi su problematiche diverse. Un altro punto da notare, lo studio mette a confronto due tipi di produzione abbastanza diversi: da un lato, il latte vaccino classico, da agricoltura industriale, dall’altro, il latte di soia relativamente sostenibile, prodotto in Europa, a base di soia non OGM. Un confronto con il latte di vacca biologico da agricoltura sostenibile, o con il latte di soia di culture brasiliane, avrebbe senza dubbio dato risultati diversi.

Latte di mucca o latte di mandorla?

Per quanto riguarda il latte di mandorla, uno studio ha fatto il confronto, anche con il latte vaccino industriale convenzionale. I risultati, anche qui, sono piuttosto divisi. Infatti, lo studio rileva che mentre l’impatto di carbonio del latte di mandorla sembra molto inferiore a quello del latte vaccino (0,36 kg/l per il latte di mandorle, 1,6 kg/l per il latte di vacca), l’impatto sulle risorse idriche è quasi 20 volte maggiore per latte di mandorla rispetto a quello di vacca. In sintesi: su uno degli impatti andrà meglio il latte di mandorla, sull’altro sarà quello di vacca. Il problema è che i mandorli richiedono molto sole, poco freddo e aria secca per crescere, il che li costringe a essere coltivati ​​in regioni particolarmente calde (Spagna, California, Turchia, Marocco, ecc.), dove l’impatto sulle risorse idriche può essere una vera sfida

L’altro problema con il latte di mandorla è che causa la perdita di molti nutrienti nella mandorla. Infatti, una volta prodotto il latte di mandorla, i produttori si ritrovano con una “polpa di mandorla” difficile da recuperare, che contiene tuttavia fibre e altri nutrienti utili.

Latte di cocco, latte di mandorle o latte di soia?

Un terzo studio, commissionato da un produttore di latte di noci a base vegetale, mostra che il latte di cocco e il latte di mandorle hanno un impatto di carbonio inferiore rispetto al latte di soia. Ma gli altri impatti ambientali (impatto su acqua, suolo, deforestazione) non sono stati presi in considerazione nello studio, quindi è difficile trarre una conclusione definitiva. Soprattutto perché lo studio completo è ora inaccessibile.

E il latte di riso, o altri tipi di latte animali (latte di capra, latte di pecora?)

Infine, sarebbe ancora necessario analizzare le altre alternative al latte: latte di riso, latte di capra, latte di pecora, anche latte di canapa o anche latte di pisello… Per quanto riguarda il latte di riso, sembra difficile trovare uno studio che ne quantifica gli impatti ambientali. Tuttavia, sappiamo che il riso ha importanti impatti sull’ambiente. Pertanto, uno studio condotto sulle emissioni di gas serra delle colture di riso mostra che il riso potrebbe essere la principale fonte di emissioni di metano nel mondo, prima dei ruminanti e del bestiame. Si può quindi presumere che il latte di riso abbia un impatto ambientale piuttosto elevato.

Per quanto riguarda altri tipi di latte animali come quello di capra, pecora, asina o cammello (sì, esiste), essendo il loro consumo relativamente aneddotico, sembra anche difficile trovare informazioni scientifiche sull’argomento. D’altra parte, uno studio condotto su formaggi a base di diversi tipi di latte animali mostra che i formaggi di capra hanno un impatto ambientale equivalente a quello del latte vaccino e che il latte di pecora è ancora più inquinante. Possiamo quindi supporre che la produzione di latte segua all’incirca le stesse curve.

Il latte più ecologico: e se fosse semplicemente una questione di produzione?

Alla fine, è difficile dare una risposta univoca alla domanda su quale latte sia il più ecologico. Come possiamo vedere, ogni latte ha impatti significativi ma specifici sull’ambiente. Alcuni emetteranno più gas serra, altri contribuiranno piuttosto alla deforestazione e altri ancora peseranno sulle risorse idriche.

In ogni caso, il fattore più importante nel determinare l’impatto ambientale non sembra essere proprio il tipo di latte (vegetale o animale, di soia o di mandorla) ma il tipo di produzione. Ad esempio, uno studio ha dimostrato che l’impronta di carbonio del latte vaccino potrebbe essere notevolmente ridotta passando a un’agricoltura sostenibile basata sui pascoli. Ha senso: se le mucche vengono alimentate con erba anziché con cereali, soia e semi oleosi, tutti gli impatti ambientali associati alla produzione di mangimi per ruminanti scompaiono. E al contrario, migliora lo stoccaggio del carbonio nel suolo. Allo stesso modo, uno studio ha dimostrato che l’alimentazione con erba delle mucche riduce la produzione di metano legata alla fermentazione enterica.

Per quanto riguarda i tipi di latte vegetali, è la stessa cosa: se l’impatto del latte di mandorla sull’acqua è così forte è perché le mandorle californiane (che costituiscono la maggior parte della produzione mondiale) sono coltivate in monocolture industriali con sistemi di irrigazione insostenibili. Il passaggio a forme più sostenibili di agroecologia potrebbe ridurre questo impatto.

Alla fine, qualunque sia il latte studiato, se la produzione è industriale, in monocoltura, e se non si basa su principi ispirati all’agroecologia (vedi definizione di agroecologia), gli impatti ambientali saranno importanti. In questo contesto, la scelta migliore che possiamo fare per scegliere un latte ecologico è prima consumare meno (o più ragionevolmente) e poi scegliere tipi di latte vegetali o animali da produzione sostenibile.

Latte vegetale, latte animale: perché non bisogna metterli in opposizione?

Infine, l’opposizione tra latte animale e latte vegetale è molto spesso artificiale. In effetti, questi diversi tipi di “latte” non hanno gli stessi usi per le stesse persone. Il latte vaccino non contiene gli stessi nutrienti del latte vegetale, che di per sé non ha le stesse qualità. Pertanto, se il latte di vacca e di soia sono relativamente ricchi di proteine, questo non è il caso del latte di mandorla o di riso. Il latte di soia è ricco di ferro, il che non è il caso del latte vaccino. Il latte di cocco è ricco di acidi grassi saturi, a differenza del latte di soia. Anche i livelli di calcio variano molto tra i diversi tipi di latte. Inoltre, i tipi di latte vegetale sono molto utili quando le persone intolleranti al lattosio vogliono trovare alternative, mentre altri consumatori tollereranno molto bene il latte vaccino.

Ma soprattutto, in termini di produzione, la contrapposizione tra latte animale e vegetale non ha senso. Pertanto, la produzione di latte di soia contribuisce spesso alla produzione di latte vaccino. Infatti, i residui di polpa di soia dalla produzione del latte di soia sono molto spesso utilizzati nell’alimentazione del bestiame… che a sua volta produce latte di vacca. In altre parole, queste diverse produzioni di latte possono aggiungersi valore l’una all’altra nell’ambito di una forma di economia circolare.

Non c’è quindi una reale necessità di fare scelte nette: le diverse tipologie di latte possono coesistere, e ognuna porta i propri benefici ecologici se prodotta in modo sostenibile. Questa è la sfida principale perché oggi, per sostenere la domanda, i produttori sono costretti ad adottare metodi di produzione spesso poco ecologici. Unica soluzione: ridurre i consumi.