Quanti alberi bisognerebbe piantare per compensare l’inquinamento di una singola persona?

Quanti alberi bisognerebbe piantare per compensare l’inquinamento di una singola persona?

10 Luglio 2022 By daniele

Il riscaldamento globale è un problema urgente. Bene, lo sanno tutti. Tuttavia, non è sempre facile sapere come ridurre le nostre emissioni di CO2 per combattere cambiamento che incombe. Tante le soluzioni proposte: prendere meno l’auto, mangiare meno carne, passare alle energie rinnovabili… E tra le soluzioni spesso citate c’è il rimboschimento. L’idea? Piantare alberi (che immagazzinano carbonio) per compensare le nostre emissioni di CO2.

Ma in effetti tutto questo è davvero utile? Ha davvero un impatto? Potremmo, ad esempio, decidere di piantare alberi per compensare le nostre emissioni? E quanti alberi dovremmo piantare per compensare le nostre emissioni di CO2? Facciamo i conti.

Quanto carbonio è immagazzinato in un albero?

È vero, gli alberi (e le piante in genere) immagazzinano CO2. In effetti, hanno bisogno di carbonio per crescere e lo prelevano dall’atmosfera assorbendo CO2. Ma la CO2 immagazzinata in un albero dipende da molti fattori: la specie dell’albero, la sua età, le sue dimensioni, in particolare. Tuttavia, esistono metodi di calcolo per conoscere approssimativamente la CO2 immagazzinata in un determinato albero. Per fare questo è necessario conoscere la massa “secca” dell’albero (ovvero la massa del legno meno la massa d’acqua contenuta nel legno, cioè circa il 35%), sapendo che il 20% di questa massa è costituito dal radici. Quindi, sappiamo che circa il 50% della massa secca di un albero è costituito da carbonio. Infine, sapendo che l’albero deve assorbire 3,67 g di CO2 per produrre 1 g di carbonio, è relativamente facile ottenere un ordine di grandezza della CO2 assorbita da un albero.

Così, ad esempio, un eucalipto di 12-15 anni (8 metri di altezza, 40 cm di diametro) pesa circa 700 kg (ovvero 840 kg comprese le radici). Il 65% di questa massa è secca, ovvero circa 550 kg. La metà è in carbonio, ovvero 225 kg. Per ottenere questa massa, l’albero ha dovuto immagazzinare circa 800 kg di CO2 per tutta la sua vita. Ciò significa che ogni anno della sua vita avrà immagazzinato circa 50-60 kg di CO2.

Naturalmente, questo calcolo è approssimativo e non si applica a tutti gli alberi allo stesso modo. Pertanto, più un albero è vecchio, più CO2 immagazzina, più velocemente cresce, più velocemente immagazzina CO2. In media, la maggior parte delle stime considera che un albero appena piantato immagazzina tra 10 e 50 kg di CO2 all’anno (con una media di 20-30 kg all’anno per gli alberi più comuni).

Quanti alberi dovremmo piantare per compensare la nostra impronta di carbonio?

Sapendo questo, è facile stimare il numero di alberi che dovremmo piantare per compensare l’inquinamento che generiamo. Le stime più recenti considerano che ogni anno un italiano emette tra le 10,6 e le 12,8 tonnellate di CO2. Se consideriamo che un albero immagazzina 35 kg di CO2 all’anno (che è una gamma piuttosto alta), allora per compensare l’inquinamento annuale di un solo italiano, bisognerebbe piantare quasi 360 alberi. In altre parole, ogni giorno un francese emette circa la stessa quantità di CO2 immagazzinata da un albero in un anno.

Se volessimo compensare l’impronta di carbonio di tutti i francesi ad esempio, si dovrebbero piantare più di 24 miliardi di alberi. È difficile valutare cosa rappresenti… Per dare una cifra più significativa, si tratta di circa 0,3 ettari (3000 m2) di fitta foresta (densa come la foresta delle Landes) da piantare a persona. Per tutta la Francia sarebbe necessario piantare 24 milioni di ettari (240 miliardi di m2) di alberi. Stai ancora lottando per visualizzare? Ciò equivarrebbe a coprire il 38% della superficie della Francia con alberi, ovvero l’equivalente di un buon terzo occidentale del paese, compresa la Nuova Aquitania, la regione dei Paesi della Loira, la Bretagna, la Normandia e l’isola di Francia. Sì, è molto.

La soluzione: prevenire piuttosto che curare?

Ciò che queste cifre mostrano è che combattere il riscaldamento globale è molto più complesso di quanto pensiamo. Anche coprendo completamente i 9 milioni di km2 del Sahara con più di 1000 alberi per ettaro, riusciremmo a malapena a compensare i 30 miliardi di tonnellate di CO2 che emettiamo in eccesso ogni anno.

Quindi, mentre la piantumazione e il rimboschimento possono innegabilmente essere parte delle soluzioni per combattere il cambiamento climatico, tali azioni non saranno mai sufficienti per risolvere il problema. Queste soluzioni si inseriscono in una logica di risarcimento, di riparazione dove probabilmente dovrebbe rientrare in una logica di prevenzione. Piuttosto che cercare di compensare il danno che causiamo, non sarebbe meglio lavorare per ridurre quel danno?