TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Riscaldamento globale: vita marina ridotta?

Riscaldamento globale: vita marina ridotta?

Come conseguenza del riscaldamento globale, si prevede che le dimensioni delle specie marine diminuiranno all’aumentare della temperatura degli oceani. Uno studio recente rivela che le piccole specie marine potrebbero perdere fino al 30% della loro massa corporea. Risultati? L’intera catena alimentare oceanica potrebbe essere influenzata da questo cambiamento.

Gli oceani sono vaste dimore per un’abbondante vita marina. Più di 250.000 specie condividono questo territorio che copre il 71% della superficie terrestre. Questo ecosistema è di fondamentale importanza per mitigare il riscaldamento globale. Fornisce agli esseri umani oltre il 50% dell’ossigeno che respira e assorbe quasi il 26% delle emissioni di anidride carbonica (CO2) emesse dall’attività umana in un anno. Un equilibrio che si rivela però precario, anche a causa dell’innalzamento della temperatura oceanica, conseguenza delle attività umane.

l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), “è probabile che il tasso di riscaldamento degli oceani sia più che raddoppiato dal 1993”. Le ondate di calore sono anche più intense e ricorrenti. Tuttavia, molte specie sono vulnerabili a un così rapido aumento della temperatura dell’oceano. I grandi episodi di sbiancamento dei coralli ne sono un esempio. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) stima che piccole specie marine, come lo zooplancton, potrebbero perdere fino al 30% della loro massa corporea a causa del riscaldamento degli oceani. Una perdita dimensionale che avrebbe ripercussioni negative sull’intera catena alimentare, e ridurrebbe drasticamente i vantaggi offerti dagli oceani nell’attenuare la crisi ambientale.

La correlazione tra le dimensioni delle specie e la temperatura

I mammiferi e gli uccelli, che sono specie endotermiche, cioè producono e regolano il loro calore attraverso il loro metabolismo, tendono ad avere una massa maggiore quando vivono in ambienti freddi. Al contrario, i loro congeneri nelle zone calde sono notevolmente più piccoli. Infatti, l’obiettivo per queste specie è di mantenere una temperatura corporea costante. Ad esempio, per l’uomo, questa temperatura è di circa 37°C. Pertanto, la massa faciliterà il mantenimento o la perdita di energia a seconda delle esigenze dell’animale. Questo processo è chiamato regola di Bergmann.

Questa correlazione è stata osservata anche in specie ectotermiche – la loro temperatura corporea dipende dal loro ambiente – come pesci, anfibi e rettili. Non hanno quindi bisogno di mantenere una temperatura costante. La regola di Bergmann quindi difficilmente concorda con le specie ectotermiche. David Atkinson, professore all’Università di Liverpool, ha quindi proposto in uno studio pubblicato nel 1994 la regola della dimensione della temperatura (TSR). Più dell’80% delle specie ectotermiche rispetterebbe questa regola. Ma perché queste specie dovrebbero ridurre la loro massa se i loro corpi si stanno adattando alla temperatura? Gli autori dello studio PNAS hanno cercato di trovare la risposta a questa domanda studiando piccoli organismi marini, zooplancton e macrofauna (crostacei, molluschi, woodlice, ecc.). Hanno sviluppato un modello predittivo per determinare i fattori che causano la perdita di massa in questi organismi. Hanno rivelato l’importanza di un fattore determinante, ma non necessariamente unico: la disponibilità di ossigeno negli oceani influenza la TSR.

La mancanza di ossigeno

I ricercatori sono partiti dal postulato che l’ossigeno (O2) fosse uno degli elementi all’origine della TSR negli oceani. Per questi organismi, infatti, l’ossigeno è essenziale per il loro corretto funzionamento. Tuttavia, si scopre che la disponibilità di ossigeno nell’acqua diminuisce all’aumentare della temperatura degli oceani. Il riscaldamento globale sta infatti rallentando la ventilazione degli oceani e gli scambi biogeochimici (come il ciclo dell’acqua o del carbonio) con altri ambienti. L’IPCC rileva “un esaurimento di ossigeno dello 0,5-3,3% (intervallo molto probabile) nei primi 1.000 m in alto mare“.

Questa mancanza costringe questi organismi a ridurre la loro massa, il che allo stesso tempo riduce il loro fabbisogno di O2. Qualsiasi specie che non è in grado di migrare rapidamente o ha una bassa tolleranza alla mancanza di ossigeno, nota come ipossia, vedrà la propria massa corporea ridotta. Il modello sviluppato nell’ambito dello studio prevede che la massa di microbi e macrofauna marina potrebbe essere ridotta dal 10 al 30% a seconda della specie nei prossimi anni. Alcune specie, incapaci di adattarsi rapidamente, si estingueranno gradualmente. Ma questa riduzione di massa ha anche un costo non indifferente che interessa l’intero ecosistema. Interessata l’intera catena alimentare Gli effetti del riscaldamento degli oceani e della sua deossigenazione ridurranno, di fatto, la quota della torta per l’intera catena alimentare.

Una cascata che prima o poi interesserà l’uomo e le sue attività come la pesca, che resta un settore economico e sociale di primo piano. Anche le trasformazioni degli oceani nei prossimi anni dovrebbero avere notevoli conseguenze ambientali. Un oceano più caldo è anche un oceano meno efficiente per lo stoccaggio di CO2, la produzione di O2, la regolazione del clima, ecc. La soluzione è sempre garantire che la temperatura degli oceani non aumenti troppo. Ma ciò richiede uno sforzo globale e sostanziale per ridurre i gas serra al fine di raggiungere gli obiettivi fissati dagli Accordi di Parigi.