Tintura dei tessuti e inquinamento

Tintura dei tessuti e inquinamento

4 Agosto 2022 By daniele

L’industria tessile consuma 4 miliardi di tonnellate di acqua all’anno per tingere 30 miliardi di chili di tessuto. Secondo le Nazioni Unite, è il secondo più grande fattore di inquinamento delle acque nel mondo.

Il tessuto viene prima sbiancato prima di essere tinto. Oggi è principalmente la candeggina che viene utilizzata durante questa fase. Ma rilascia cloro che si combina con le molecole organiche contenute nel suolo, nell’acqua e nell’aria. In acqua il cloro è insolubile e poco biodegradabile. Assorbito dalle piante, poi dagli animali, finisce nella catena alimentare e raggiunge l’uomo.

Quindi, i tessuti ricevono i colori finali. Tuttavia, questi pigmenti sintetici che oggi sostituiscono i coloranti originariamente vegetali contengono spesso metalli pesanti, formaldeide o addirittura ftalati.

Queste sostanze sono dannose sia per i dipendenti del settore tessile (aumentano il rischio di cancro), sia per l’ambiente. Infatti, parte del colorante viene scaricato nelle acque reflue durante il risciacquo. La Banca Mondiale ora stima che dal 17 al 20% dell’inquinamento idrico globale sia causato dall’industria tessile.

Il fiume Li ne è un esempio. Anticamente chiamata “Perla della Cina”, ora è inquinato da piombo e mercurio usati per tingere i jeans e rilasciati durante il lavaggio. Non è più possibile bere l’acqua del fiume, né mangiare il pesce.

Cosa dice la legge? Il regolamento europeo REACH

Il regolamento europeo REACH, entrato in vigore nel 2007, mira a garantire la produzione e l’uso di sostanze chimiche nell’industria europea. Attraverso quest’ultimo, si tratta di identificare, valutare e controllare le sostanze chimiche fabbricate, importate, immesse sul mercato europeo e garantire così la protezione degli europei contro tali sostanze.

Questa protezione, tuttavia, è insufficiente poiché l’Ufficio europeo dell’ambiente ha rivelato nel 2018 che il 32% delle sostanze chimiche prodotte o importate dal 2010 nell’Unione Europea in quantità superiori a 1.000 tonnellate all’anno non erano conformi al regolamento REACH. In media, più di 3 sostanze su 10 ampiamente commercializzate non hanno superato un test di valutazione.