Cibo sostenibile, a quale costo?

Cibo sostenibile, a quale costo?

4 Luglio 2022 By daniele

Il cibo sostenibile, generalmente equiparato all’agricoltura biologica, è spesso additato per il suo prezzo, che sarebbe inaccessibile alle famiglie più modeste.

Cosa s’intende per dieta sostenibile?

La nostra produzione e il nostro consumo alimentare sono un’importante fonte di emissioni di gas serra: rappresenterebbero in media il 28% delle emissioni totali su scala globale. Emissioni legate sia ai metodi di produzione utilizzati, più o meno inquinanti, ma anche alle nostre abitudini alimentari e ai nostri modelli di consumo.

In questa prospettiva, per riuscire a ridurre le emissioni di gas serra, preservare l’ambiente, in particolare attraverso una migliore gestione del suolo e delle risorse idriche, e mantenere una popolazione in buona salute, è necessario compiere una transizione verso una dieta più sostenibile.

In Europa, ciò si traduce in una riduzione del consumo di prodotti di origine animale, in un minor spreco alimentare, e in un aumento del consumo di prodotti provenienti da metodi di produzione più sostenibili, ovvero rispettosi della salute e dell’ambiente.

La questione del costo di una dieta più sostenibile

È qui che entra in gioco la domanda sul budget: chi può permettersi questo tipo di alimentazione?

Se da un lato consumare meno prodotti animali e sprecare meno alleggerisce il budget, l’aumento del suo consumo di prodotti biologici dall’altro lo appesantisce perché questi ultimi sono generalmente più costosi, così da remunerare metodi di produzione più durevoli. Allora, qual è l’impatto dell’adozione di una dieta sostenibile sulla spesa dei consumatori?

Lo studio condotto dall’Istituto dell’Economia per il Clima (I4CE) ha evidenziato 4 fattori che variano la spesa delle famiglie.

La composizione del piatto

Una riduzione del 20% del consumo di prodotti animali consentirebbe un risparmio compreso tra il 4% (redditi più bassi) e il 12% (redditi più alti) del budget alimentare iniziale. Guadagni che sarebbero addirittura raddoppiati o addirittura triplicati se la dieta adottata fosse vegetariana.

Perdite e sprechi

Un dimezzamento delle perdite e degli sprechi a livello di consumo (che corrisponde all’obiettivo fissato a livello nazionale), oltre all’adozione di una dieta meno carnosa consentirebbe ulteriori guadagni compresi tra 3 e 5 punti percentuali.

La quota di prodotti biologici nel piatto

A prezzi attuali, senza aumentare il budget, adottare una dieta meno carnosa e dimezzare gli sprechi permette già di aumentare la quota di prodotti biologici acquistati. Una quota di prodotti biologici nel piatto intorno al 20% per le famiglie più modeste, che potrebbe salire fino al 35% per le più abbienti. Oggi, questa quota è del 3% per il francese medio.

Quando la dieta adottata è vegetariana, queste soglie sono più elevate: 65%, 40% e 75% rispettivamente per il francese medio, il più modesto e il più abbiente. In altre parole, raggiungere una quota del 40% di prodotti biologici nel piatto senza aumentare le spese significa adottare una dieta vegetariana per le famiglie più povere, o semplicemente ridurre il consumo di carne per i più ricchi.

Il sovrapprezzo dei prodotti biologici

E poi ovviamente un calo del prezzo dei prodotti biologici aumenterebbe la quantità acquistata a parità di budget. Lo studio afferma che affinché un cesto di carne al 100% biologico in meno sia accessibile senza costi aggiuntivi alle 4 categorie di reddito, il premio dei prodotti biologici rispetto ai prodotti convenzionali dovrebbe scendere dal 65% di oggi a solo il 10%.

Anche se il biologico si sta sviluppando sul territorio, una tale riduzione di prezzo sembra difficilmente praticabile per gli agricoltori biologici i cui prezzi più elevati dei prodotti garantiscono in parte la redditività dell’attività.

Tuttavia, gli autori sottolineano i limiti di questi indicatori, che considerano “non del tutto soddisfacenti”: “Ad esempio, la certificazione in agricoltura biologica trascura la conservazione del suolo tra le questioni ambientali, ma è l’unica certificazione ambientale per la quale i dati sono ampiamente disponibili e che si traduce in un prezzo differenziato per i consumatori.”

Cibo più sostenibile: i 3 fattori che spiegano la variazione dei costi

In sintesi, rispetto agli indicatori studiati, si possono evidenziare 3 ragioni all’origine della variazione dei costi del cibo sostenibile.

L’ambizione della dieta sostenibile mirata

A seconda del livello di riduzione del consumo di carne, dello spreco alimentare o del livello di aumento del consumo di prodotti biologici, non avremo la stessa definizione di dieta sostenibile. Questi cambiamenti più o meno significativi nella dieta influiranno sulle spese allo stesso modo.

Il prezzo dei prodotti biologici rispetto ai convenzionali

Se i prodotti dell’agricoltura biologica costano il 30% in più rispetto allo stesso prodotto dell’agricoltura convenzionale, ciò non avrà lo stesso impatto sul budget come se questi prodotti avessero lo stesso prezzo o solo il 10% in più.

Il livello di reddito dei consumatori

Più alto sarà il reddito del consumatore, maggiore sarà il potere d’acquisto che avrà, e quindi l’impatto di una dieta più sostenibile sarà minore rispetto a un consumatore con un reddito inferiore. A seconda del livello di questi diversi fattori, una dieta più sostenibile può costare il 30% in meno o il 67% in più rispetto al budget alimentare iniziale del consumatore, secondo lo studio I4CE.

Comunque sia, per tutti i consumatori, nonostante gli sforzi per ridurre i prodotti animali e gli sprechi alimentari, mangiare interamente biologico costa di più ai prezzi attuali, in particolare per le famiglie più precarie.
Se vogliamo permettere a tutti di mangiare prodotti biologici, questo richiede di trovare il giusto equilibrio tra prezzi sufficientemente remunerativi per pratiche sostenibili e spese alimentari accettabili per le famiglie. Allora come si raggiunge questo compromesso?