Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Eventi meteorologici estremi, cosa sono e quali sono le cause

Eventi meteorologici estremi, cosa sono e quali sono le cause

“Uragano del secolo”, “ondata di caldo estremo” o ancora “inondazione”. Negli ultimi anni, questi termini sono stati nei titoli dei giornali di fronte al verificarsi di eventi meteorologici estremi. Questi eventi di natura molto varia, il più delle volte inaspettati e violenti, ci sembrano verificarsi molto più frequentemente. Ma è davvero così? E se sì, possiamo stabilire un legame con il riscaldamento globale?

Eventi meteorologici estremi, la definizione

Anche tra gli scienziati, la nozione di evento meteorologico estremo rimane difficile da definire. In effetti, statistici, fisici e scienziati sociali hanno ciascuno la propria definizione di evento meteorologico estremo. Sebbene queste tre definizioni siano complementari, ciascuna ha una propria dimensione.

Per gli statistici, un estremo sarà chiamato così se una misurazione (temperatura, velocità del vento) supera i valori comunemente riscontrati. I numeri determinano se un evento è estremo o meno.

Una seconda definizione è data dai fisici: l’estremo corrisponde a una categoria di eventi (ciclone tropicale, tempesta extratropicale, ondata di caldo, siccità, ecc.) che dipende dalla regione e dalla sua descrizione fenomenologica.

Infine, gli scienziati sociali definiscono l’evento in base al danno causato. In questo senso, un evento si dirà estremo quando colpisce la società. È più probabile che un evento sia qualificato come estremo in questo caso che se si verificasse in un luogo senza abitazione (ad esempio nel deserto) perché non è causa né di danni materiali né di perdite umane. . Inoltre, un evento climatico sarà considerato estremo se si verifica in un luogo in cui la popolazione non è abituata a proteggersi da un particolare tipo di evento. Ad esempio, in Italia, soprattutto al Sud, la popolazione è meno abituata a ricevere molte nevicate, a differenza del Canada dove la popolazione è preparata e abituata ad affrontare questo tipo di eventi.

I criteri per determinare un evento estremo variano a seconda del luogo. Parliamo ad esempio di un’ondata di caldo a Tolosa quando per almeno tre giorni le temperature notturne sono superiori ai 21°C e quando le temperature diurne superano i 36°C. Mentre a Brest si conferma un’ondata di caldo se per almeno tre giorni si superano i 16°C di notte e i 28°C di giorno.

Classificazione delle condizioni meteorologiche estreme

Gli eventi estremi meteorologici possono essere classificati in due categorie a seconda della loro durata: fenomeni lunghi della durata di diverse settimane o mesi (come una siccità) e altri, spesso molto intensi, la cui durata è limitata a poche ore o anche a pochi giorni.

I meccanismi degli eventi estremi meteorologici sono complessi. Ad esempio, l’ondata di caldo dell’estate 2003 è la conseguenza di movimenti di masse d’aria su un’estensione spaziale molto ampia (diverse migliaia di chilometri di raggio). Le condizioni da soddisfare per provocare un’ondata di caldo sono molteplici e possono essere annullate da alcuni giorni di precipitazioni. Da qui l’estrema difficoltà di prevederne il verificarsi con qualche settimana di anticipo, anche se è chiaro che un aumento delle temperature aumenta il rischio che si verifichino ondate di calore.

La comparsa di altri fenomeni climatologici estremi (tornado, tempeste, ecc.) è anche il risultato di molteplici fattori e delle loro interazioni, che possono essere molto complicati da modellare e prevedere. Lo studio del clima del passato è una delle strade che consente agli scienziati di stabilire un legame tra gli estremi meteorologici (siccità, ondate di freddo per esempio) e l’evoluzione delle temperature medie.

Alcuni storici come E. Le Roy Ladurie hanno esaminato archivi, sia nazionali ma anche a volte molto localizzati e dettagliati come i registri parrocchiali, nei quali troviamo tracce di alcuni eventi meteorologici che hanno particolarmente segnato la popolazione (tempeste, episodi di caldo o freddo , distruzione di edifici, colture devastate, ecc.). La descrizione degli effetti e dei danni causati fornisce un’approssimazione del livello di violenza di questi fenomeni subiti dai nostri antenati. I documenti riferiscono che la siccità era particolarmente temuta dalle società rurali perché metteva in pericolo i raccolti. Questa paura della siccità era così grande che furono organizzate processioni pro pluvia per implorare l’arrivo della pioggia.

Grazie a questi dati e a quelli che possiamo analizzare oggi (analisi degli anelli di accrescimento, carote glaciali ecc.), i ricercatori possono saperne di più sugli eventi estremi del passato e confrontarli con quelli di oggi. Ad esempio, gli storici svizzeri (O. Wetter e C. Pfister) hanno ricostruito, dopo aver studiato numerosi archivi, un’ondata di caldo potenzialmente peggiore di quella del 2003 che avrebbe colpito l’Europa… nel 1540.

Qual è il legame con il riscaldamento globale?

Oggi, alcuni eventi estremi meteorologici sono legati alla temperatura media del globo e al suo aumento dovuto al riscaldamento globale. Sebbene il collegamento non sia stato ancora del tutto chiarito e sia oggetto di numerosi dibattiti scientifici, è del tutto possibile, in alcuni casi, affermare che il riscaldamento globale è responsabile dell’aumento dell’intensità delle precipitazioni e della neve. Ciò è spiegato dalla relazione termodinamica Clausius-Clapeyron, che afferma che la quantità di acqua sotto forma di vapore presente nell’atmosfera aumenta con la temperatura.

Questo fenomeno è particolarmente sentito nel sud Italia dove le ondate di freddo hanno causato abbondanti nevicate dall’inizio degli anni 2000, anche se sappiamo che in passato non nevicava così tanto in questa regione. Il Mar Mediterraneo essendo più caldo, crea un’evaporazione dell’acqua che poi si trasforma in nevicata una volta a terra. Il ciclo dell’acqua è influenzato dal riscaldamento globale.

Ma il riscaldamento globale non ha, a priori, alcun effetto sullo scoppio dei cicloni. Notiamo anche che il numero di tempeste extratropicali e cicloni tropicali non è aumentato negli ultimi decenni. Tuttavia, il riscaldamento globale contribuisce all’aumento delle precipitazioni che si verificano durante i cicloni (questa è la relazione Clausius-Clapeyron).

D’altra parte, l’aumento del numero di ondate di calore è chiaramente correlato al riscaldamento globale. In effetti, ci sono più ondate di caldo nel 21° secolo che all’inizio del 20° secolo. La spiegazione di questa correlazione è ancora dibattuta.

La questione del legame tra il riscaldamento globale e il moltiplicarsi degli eventi climatici estremi registrati dai meteorologi non trova quindi una risposta definitiva o assoluta. Differisce a seconda del tipo di evento in questione. Se ci sono pochi dubbi per certi eventi, per altri, sono necessari ancora molti dati prima di stabilire un possibile nesso di causalità.

Il legame tra lo sviluppo della nostra conoscenza del clima e la previsione degli impatti meteorologici estremi rimane una sfida per gli scienziati del clima. Ciò richiede una stretta collaborazione tra discipline che si sono ignorate per decenni. Diverse iniziative nazionali e internazionali stanno colmando queste lacune, tra scienze del clima, diritto, economia e scienze sociali in generale.