TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Ondata di caldo e riscaldamento globale: esiste davvero un legame?

Ondata di caldo e riscaldamento globale: esiste davvero un legame?

Le ondate di calore sono legate al riscaldamento globale? Possiamo davvero dire che il riscaldamento globale provoca ondate di calore? Vediamo cosa hanno da dire recenti studi scientifici su questo argomento.

Si ritiene che il riscaldamento globale, che provoca l’aumento della temperatura media del pianeta a causa dell’effetto serra, sia responsabile dei recenti episodi di forte caldo. Ma possiamo davvero dire che queste ondate di calore sono la conseguenza del riscaldamento globale?

Nel mondo dei media, l’argomento è talvolta dibattuto. Alcuni sostengono che un particolare evento meteorologico sia causato dal riscaldamento globale, mentre altri sostengono che sia impossibile stabilire un nesso causale diretto tra tempo e clima. Allora cos’è veramente? Cosa dicono i più recenti studi scientifici a riguardo? Vediamo.

Ondata di caldo e riscaldamento globale: non confondere tempo e clima

Un primo punto da tenere a mente quando si analizzano gli sviluppi meteorologici è che “meteo” e “clima” non devono mai essere confusi. “Clima” per semplicità è la struttura delle condizioni climatiche del pianeta: il modo in cui i venti, le precipitazioni e le pressioni atmosferiche si distribuiscono mediamente sulla terra e il modo in cui si evolvono durante un anno tipo. . È quindi un dato generale, strutturale, una media. Il clima del pianeta è tale che in generale, ad esempio, in Canada fa freddo in inverno. “Meteo”, invece, si riferisce alle condizioni climatiche in un dato momento e in un determinato luogo. In un dato giorno, a seconda delle condizioni meteorologiche, può essere relativamente caldo in Canada, anche se è inverno. Il tempo varia costantemente, mentre il clima descrive tendenze piuttosto stabili, in linea di principio.

È molto importante non confondere tempo e clima perché se queste sono due realtà collegate, non sono equivalenti. In altre parole, se fa caldo in una giornata invernale in Canada, ciò non significa che il clima canadese sia caldo in inverno in generale. È lo stesso con il riscaldamento globale. Il riscaldamento globale significa che il clima globale sta cambiando e che in media sul pianeta è più caldo. Ma questo non significa che ovunque e in ogni momento il clima stia diventando più caldo. Con il riscaldamento globale, alcuni luoghi si stanno riscaldando più di altri, e anche altri aspetti del clima stanno cambiando: piove di più in alcuni luoghi e meno in altri, i venti cambiano e con ciò le correnti oceaniche o la distribuzione delle pressioni atmosferiche. È per questo motivo che si parla spesso di cambiamento climatico o cambiamento climatico.

In sintesi, un particolare evento meteorologico, come un’ondata di caldo, non è necessariamente tipico della struttura climatica in generale e un cambiamento nella struttura climatica (come il riscaldamento globale) non implica necessariamente alcun particolare evento meteorologico. Ad esempio, le ondate di freddo che hanno colpito gli Stati Uniti negli ultimi anni non sono un segno che il clima degli Stati Uniti stia diventando più freddo, né è contraddittorio con il riscaldamento globale. È lo stesso per le ondate di calore: non è perché esiste un’ondata di calore che è necessariamente causata dal riscaldamento globale. Ci sono sempre state variazioni meteorologiche e nessuno può dire se una tale ondata di caldo si sarebbe verificata senza il riscaldamento globale.

I legami tra ondate di calore e riscaldamento globale: cosa dicono i climatologi?

Tuttavia, sembra logico che se fa più caldo sul pianeta, ciò potrebbe portare a episodi di forte calore come le ondate di calore. Quindi, esiste un legame stabilito tra le attuali ondate di calore e il riscaldamento globale? Formalmente no: come dicevamo, è impossibile dire se questa o quella ondata di caldo sia la diretta conseguenza del riscaldamento globale. Tuttavia, possiamo stabilire collegamenti di correlazione e collegamenti probabilistici, ad esempio esaminando se, con il riscaldamento globale, le probabilità di ondate di calore sono o meno aumentate o se la loro intensità cambia. Questo è ciò che fanno i ricercatori che lavorano su questo argomento.

Ad esempio, uno studio condotto nel 2013 da ricercatori delle Università di Potsdam e Madrid ha mostrato che i record di calore sul pianeta sono stati superati 5 volte più frequentemente oggi che in un clima senza riscaldamento globale. Gli scienziati dietro lo studio hanno dedotto che statisticamente, oggi, 4 su 5 nuovi record di calore sono stati causati dal riscaldamento globale. Un altro studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change ha concluso che il riscaldamento globale moltiplica i rischi statistici delle ondate di calore negli Stati Uniti. Un altro esempio: una rassegna dell’Union of Concerned Scientists che analizza la recente letteratura scientifica sull’argomento mostra che le ondate di calore sono state negli ultimi decenni sia più frequenti che più intense che in passato negli Stati Uniti.

Grazie a questo tipo di studio, ora sappiamo che il riscaldamento globale aumenta sia la frequenza che l’intensità delle ondate di calore. Altre analisi dello stesso tipo sono state effettuate in Europa. Il più recente, condotto dalla World Weather Attribution, ha analizzato l’attuale frequenza delle ondate di calore e delle ondate di calore nel nord Europa e le ha confrontate con le frequenze attese in un clima senza riscaldamento globale (basato sia su analisi storiche che su modelli informatici). I risultati mostrano che il riscaldamento globale raddoppia il rischio di ondate di calore che si verificano in queste regioni.

L’ondata di caldo può essere attribuita al riscaldamento globale: fare attenzione senza mantenere la confusione

Oggi, la scienza del clima sta cercando di andare ancora oltre, attraverso i cosiddetti metodi di “rilevamento e attribuzione dei cambiamenti climatici”. L’idea di questi metodi è cercare di scoprire se un tale e tale evento meteorologico possa essere attribuito o meno al riscaldamento globale. Sebbene questi metodi siano recenti, hanno già portato a studi scientifici. Uno di questi, pubblicato sulla rivista Advancing Earth and Space Science, ad esempio, afferma che possiamo essere “praticamente certi” che l’ondata di caldo dell’emisfero settentrionale del 2018 sia attribuibile al riscaldamento globale. Gli scienziati stanno quindi cercando di modellare e comprendere i legami tra questi episodi di calore e il riscaldamento globale, ma lasciano sempre spazio alle sfumature.

La sfida c’è, la sfumatura, ed è importante. Perché affermare in modo troppo categorico che una tale ondata di caldo è necessariamente e senza alcun dubbio possibile la conseguenza del solo riscaldamento globale equivale a creare scorciatoie e creare confusione tra tempo e clima. Confusioni che possono poi essere rivolte contro la scienza del clima, ad esempio quando alcuni affermano che una ondata di freddo dimostri l’assenza di riscaldamento globale. Occorre quindi saper stare attenti, a non andare oltre ciò che la scienza può provare, pur essendo sufficientemente precisi perché le questioni siano ben poste.

Rimane difficile affermare semplicemente che una tale ondata di caldo è la diretta conseguenza del riscaldamento globale. Ma questo non deve incoraggiare a dimenticare i rischi ei legami che sono stati scientificamente stabiliti tra la crisi climatica e l’ondata di caldo. Dobbiamo capire che il riscaldamento globale aumenta la frequenza e l’intensità delle ondate di calore. Dobbiamo capire che una delle conseguenze certe del riscaldamento globale è l’aumento del rischio di ondate di calore oltre che della loro forza. E che questo pone grossi rischi per le nostre società: rischi per la salute, rischi ambientali, rischi economici e sociali. Rischi ai quali dobbiamo essere preparati, se oggi non abbiamo trovato il modo di limitarli.