Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

La conquista dello spazio al servizio dell’ecologia?

La conquista dello spazio al servizio dell’ecologia?

Secondo il Science and Technology Policy Institute, quasi un quarto dei finanziamenti spaziali va alle applicazioni militari. Il 40% del budget del settore alimenta le industrie delle telecomunicazioni e la galassia di oggetti “connessi” via satellite, dai televisori ai telefoni e alle radio. Una parte significativa alimenta il settore della navigazione satellitare… per il settore automobilistico.

Nel complesso, è quindi piuttosto sbagliato affermare che oggi l’economia spaziale serve principalmente industrie di interesse generale, transizione ecologica o ricerca scientifica fondamentale sulle nostre principali questioni collettive come la salute. Le poche centinaia di miliardi di euro che attualmente compongono l’economia spaziale vengono utilizzate più per la difesa, la televisione satellitare e il GPS delle nostre auto che per l’osservazione del clima o le smart-grid energetiche.

E poi in futuro? Una cosa è certa, l’industria spaziale è destinata a svilupparsi. Sta già registrando una crescita doppia rispetto a quella dell’economia nel suo insieme e potrebbe raggiungere, secondo le stime, da uno a diversi trilioni di euro entro il 2050. Ma le proiezioni non sono necessariamente nel senso di un riorientamento del settore verso obiettivi di sviluppo sostenibile.

Secondo i dati di Euroconsult, nei prossimi 10 anni il settore dovrebbe continuare a svilupparsi principalmente in due aree. In primo luogo, il miglioramento dei sistemi di trasporto spaziale, vale a dire lo sviluppo di sistemi di lancio e razzi più avanzati e riutilizzabili. Obiettivo: sviluppare massicciamente l’infrastruttura dei satelliti in orbita bassa, in particolare per le telecomunicazioni, ma anche perché no, turismo e trasporti. Poi, l’economia spaziale dovrebbe volgersi alla Luna e all’orbita alta: il 40% delle missioni previste per il prossimo decennio puntano all’esplorazione lunare. In questi due settori, non immaginiamo necessariamente a priori una grande rivoluzione nel campo della transizione sostenibile.

Prevedere lo sviluppo dell’economia spaziale

Nel settore dei trasporti spaziali le proiezioni sono orientate al dispiegamento di massa di satelliti di comunicazione, al fine di generalizzare nuove reti di comunicazione ad alta velocità per aree che non possono essere collegate a reti mobili in fibra o terrestri. Di per sé, lo sviluppo di queste tecnologie di comunicazione non è né “sostenibile” né “insostenibile”. Tutto dipende dall’utilizzo. Se si tratta di rendere possibile il collegamento in rete di popolazioni isolate, o di facilitare la ricerca d’avanguardia in aree remote, al fine di proteggerle possibilmente meglio, allora si può riscontrare un interesse in termini di sviluppo sostenibile. Al contrario, se si tratta di voler estendere sempre di più le connessioni a banda larga, con l’idea di poter guardare clip in HD in cima all’Himalaya, anche a costo di impegnarsi nello stesso movimento di nuova distruzione di aree naturali e biodiversità, allora l’interesse è più discutibile.

È lo stesso nel campo dello spazio e dell’esplorazione lunare. Se l’obiettivo è costruire veri e propri parchi di attrazione turistica nello spazio o sulla Luna entro la fine del secolo, l’equazione ecologica non è esattamente la stessa come se si trattasse di sviluppare la produzione di energia solare basata sullo spazio e relativamente a basse emissioni di carbonio. Tutto dipende dallo scopo a cui servirà l’esplorazione dello spazio.

E il problema è lì. Oggi lo sviluppo della “New Space Economy” è trainato principalmente da organizzazioni private (da Virgin Galactic a Starlink passando per Blue Origin) i cui obiettivi non sono sempre trasparenti, ma comunque difficilmente filantropici. È difficile prevedere esattamente come si evolverà l’economia spaziale, ma nella comunicazione di questi attori privati ​​è proprio la massiccia commercializzazione dello spazio e delle sue risorse che si legge tra le righe: turismo spaziale, estrazione di massa, telecomunicazioni e grandi dati, sorveglianza. È facile immaginare che l’obiettivo primario di questi massicci investimenti nell’industria spaziale sia lo sviluppo di nuovi mercati, nuove esigenze, e non il rispetto dei limiti planetari o la tutela della biodiversità.

Al contrario, lo sviluppo di questi mercati dovrebbe comportare una pressione sempre maggiore sulle risorse naturali e sugli spazi e un inquinamento sempre maggiore. Per costruire lanciatori, razzi e satelliti o trovare le risorse energetiche per inviarli nello spazio, dovranno essere necessariamente utilizzate risorse terrestri. Per definizione, nel breve e medio termine, l’esplorazione dello spazio sarà quindi necessariamente a scapito della conservazione di ciò che resta da tutelare sulla Terra. Come minimo, questo suggerisce quindi che se vogliamo un’industria spaziale sostenibile, dovrà essere fortemente regolamentata per indirizzare i suoi sviluppi verso obiettivi di interesse generale, limitare lo sfruttamento irrazionale delle risorse spaziali ed evitare una catastrofe ecologica. , nello spazio e sulla Terra.

Ma quando vediamo quanto sia difficile regolamentare lo sfruttamento delle poche aree selvagge che la Terra ha ancora, ci diciamo che non è vinto per il mondo spaziale che legalmente non è territorio di nessun governo.

Spazio, ricerca scientifica e transizione sostenibile

Resta da vedere se l‘economia spaziale può avere effetti collaterali positivi imprevisti? Come qualcuno a volte sottolinea per analogia, la Formula 1, nonostante la sua discutibile utilità sociale, ha comunque reso possibile, grazie ad elevati investimenti, importanti progressi nelle prestazioni dei motori automobilistici. Progressi che ora consentono di generalizzare motori che sono più efficienti dal punto di vista energetico ed emettono meno CO2 e particelle fini.

Può l’industria spaziale dare vita, anche per caso, a innovazioni così positive? Questa è una domanda a cui è molto difficile rispondere, perché non può essere prevista. Questo è il principio stesso di quella che nella scienza viene chiamata serendipità: a volte, l’esplorazione o la ricerca portano a scoperte inaspettate, che si rivelano utili a livello sociale o scientifico. È sempre possibile che gli ingenti fondi investiti nell’esplorazione spaziale portino un giorno a nuove e più pulite forme di energia, attraverso lo sfruttamento di giacimenti di idrogeno o altri materiali nello spazio, o che consentano lo sviluppo di cure mediche avanzate, grazie a lavorare in microgravità o molte altre cose.

È possibile, in teoria. Ma in pratica, l’argomento della serendipità o della scoperta accidentale è difficile da difendere nel quadro di un’analisi ecologica dell’esplorazione spaziale. In effetti, la crisi ecologica limita gravemente le risorse a nostra disposizione collettivamente. Abbiamo poco tempo, poca energia, poche risorse, che vanno suddivise tra i nostri diversi bisogni: cibo, mobilità, alloggio… In questo contesto, è difficile difendere l’idea di investire migliaia di miliardi di euro, milioni di tonnellate di materiali e decine di GWh di energia in progetti spaziali, sperando che un giorno, forse, portino a scoperte scientifiche di interesse.

Da un lato, perché non è certo (lontano da esso) che queste ipotetiche scoperte emergeranno in tempo per evitare una drammatica crisi climatica o una massiccia estinzione della biodiversità, se mai emergeranno. D’altra parte, perché tutto questo denaro e tutte queste risorse potrebbero sicuramente essere utilizzate oggi per progetti ecologici, sociali o sanitari, con tecnologie già esistenti (energie rinnovabili, mobilità sostenibile, transizione verso un’alimentazione sostenibile, ecc.). Ad esempio, infatti, è più semplice (tecnicamente, economicamente ed ecologicamente) sviluppare idrogeno verde sulla terra che immaginare di sfruttare l’idrogeno spaziale, almeno nella scala temporale che ci interessa rispondere alla crisi climatica.

Soprattutto, in generale, l’idea che l’ascesa di questa o quella industria debba essere utilizzata come catalizzatore per la ricerca scientifica di interesse generale è soprattutto una questione di profonda depoliticizzazione della gestione delle nostre problematiche collettive. Del resto, se si vogliono davvero fare scoperte scientifiche legate alla transizione ecologica, non c’è bisogno di aspettare che questo o quel miliardario decida di investire in un settore che non ha nulla a che fare con la preghiera molto forte perché ciò avvenga. qualcosa di utile per tutti: potremmo semplicemente decidere collettivamente di destinare denaro direttamente alla ricerca in questo campo. O denaro pubblico o denaro privato, grazie a politiche di incentivazione e normative più forti. E se poi, per disgrazia, dovessimo poi scoprire che i soldi non arrivano per finanziare queste iniziative di interesse generale, sarebbe ancora tempo di chiederci se è legittimo che il nostro sistema economico collettivo metta così tanti soldi nelle tasche di coloro che ovviamente non vogliono spenderlo per la comunità.

In sintesi, l’esplorazione dello spazio può certamente, in teoria, portare a utili innovazioni a livello ecologico o sociale. Ma in realtà, la tendenza non invoca l’emergere di un’economia spaziale al servizio di una transizione sostenibile nei prossimi anni. E se adottiamo un atteggiamento probabilistico, sembra improbabile che l’esplorazione dello spazio acceleri in modo significativo l’emergere di tecnologie sostenibili, mentre è certo che il suo sviluppo porterà all’accelerazione della pressione ecologica, a scapito della transizione verso un’economia più sobria, che è davvero l’unica soluzione per la transizione ecologica globale.