Cambiamenti climatici, Clima e ambiente, energie rinnovabili

Cosa si intende per ecosistema?

Cosa si intende per ecosistema?

By daniele

La definizione più semplice di un ecosistema è la seguente: è un insieme di esseri viventi che vivono all’interno di un mezzo o di un ambiente specifico e interagiscono tra loro all’interno di questo mezzo e con questo ambiente.
Ad esempio, una foresta tropicale è un ecosistema composto da esseri viventi (alberi, piante, insetti, animali, microrganismi) che sono in continua interazione.

Definizione scientifica dell’ecosistema, unità a geometria variabile

L’ecosistema è l’unità di base del campo di studio scientifico della natura (ecologia scientifica). Secondo questa disciplina, l’ecosistema è un ambiente fisicamente delimitato, costituito dalle sue due componenti inseparabili:

  • Il biotopo: cioè un particolare ambiente fisico con specifiche caratteristiche fisiche (temperatura, umidità, clima)
  • La biocenosi: ovvero un insieme di esseri viventi (animali, piante, microrganismi) in interazione, e quindi in interdipendenza.

Le biocenosi (esseri viventi) evolvono su un particolare biotopo e costituiscono un ecosistema.

Il concetto di ecosistema è disponibile a tutte le scale dimensionali (semplice stagno, foresta, catena montuosa, pianeta Terra nel suo insieme). Un essere vivente, o parte di esso, costituisce esso stesso un ecosistema (esempio: il biotopo intestinale e il suo microbiota).

Come funziona un ecosistema naturale?

Si dice spesso che gli ecosistemi naturali sono sistemi “equilibrati”. Ciò significa che le interazioni tra i diversi organismi che compongono l’ecosistema contribuiscono a una certa stabilità. Ad esempio, negli ecosistemi delle praterie, gli erbivori mangiano l’erba, ma nutrono anche il terreno con i loro escrementi, il che consente all’erba di ricrescere e fornisce una sorta di equilibrio. Ma ciò non significa che un ecosistema, anche sano, sia statico. In realtà, un ecosistema è in continua evoluzione, il suo funzionamento è basato su processi dinamici in continua evoluzione.

Ad esempio la biocenosi, gli organismi viventi, interagiscono con il loro ambiente e lo trasformano costantemente: gli animali compattano il suolo, le piante creano umidità o regolano la temperatura, a volte alcune specie diventano invasive ed altre scompaiono. Un ecosistema evolve anche quando un evento o un vincolo esterno o imprevisto tende a modificarlo: un fenomeno climatico o naturale, ad esempio, può portare a trasformazioni nell’ambiente, ma anche obbligare gli organismi viventi ad adattarsi a nuovi vincoli.

Sempre alla ricerca di stabilità, l’ecosistema non riesce mai del tutto. I vari squilibri tendono a compensarsi a vicenda in modo permanente. Alcuni ecosistemi si evolvono molto lentamente mentre altri possono cambiare molto rapidamente, o addirittura talvolta, in casi estremi, scomparire.

Collegamenti tra ecosistema e attività umane

Dall’addomesticamento del fuoco alle ambizioni di conquista dello spazio, l’umanità non ha mai smesso di voler utilizzare, modificare e trasformare gli ecosistemi naturali. Ad esempio, quando trasformiamo una pianura per coltivare campi di cereali, modifichiamo in modo significativo l’ecosistema al punto da distruggerne talvolta completamente le fondamenta originarie. Oggi le attività umane hanno un tale impatto sugli ecosistemi che ora si parla di Antropocene per qualificare il periodo a partire dal quale l’influenza dell’uomo sul suo ambiente iniziò a trasformarlo radicalmente.

Queste trasformazioni possono essere osservate quasi ovunque: la pianificazione urbana sta trasformando gli ecosistemi naturali, l’inquinamento e le attività umane stanno distruggendo la biodiversità, il riscaldamento globale sta trasformando il clima e minacciando gli ecosistemi globali.

Perché preservare gli ecosistemi?

Tuttavia, gli esseri umani dipendono dagli ecosistemi naturali allo stesso modo di tutti gli altri esseri viventi. Ad esempio, l’agricoltura che fornisce il nostro cibo dipende dalle caratteristiche dell’ecosistema. I cereali o le verdure crescono solo in determinate condizioni di temperatura e umidità, in determinati climi e purché avvengano determinati processi naturali, come l’impollinazione. Se modifichiamo queste caratteristiche troppo in profondità, c’è il rischio che non saremo più in grado di produrre ciò che produciamo oggi, o non allo stesso modo.

Ecosistemi estesi agli ambienti umani

Paradossalmente, è proprio mettendo in prospettiva e razionalizzando questi ecosistemi artificiali che l’Uomo può essere in grado di ristabilire una convivenza più armonica e duratura con i biotopi naturali e le loro popolazioni viventi, i cui servizi alla nostra specie sono vitali, in particolare nei seguenti ambiti:

  • Approvvigionamento: acqua, cibo, materiali, risorse energetiche, farmacopea, ecc.
  • Regolazione: clima, ciclo dell’acqua, cicli bioecologici, stabilità atmosferica (produzione di ossigeno) e geologica, ecc.

Questa riconciliazione dipenderà direttamente dalle strategie di sviluppo sostenibile attuate, uniche garanzie dell’abitabilità a lungo termine dell’ecosistema terrestre nel suo complesso.

Syrus