TECHNOLOGY, INTERNET TRENDS, GAMING

Costruzioni in legno per le cittĂ  del futuro?

Costruzioni in legno per le cittĂ  del futuro?

Il calcestruzzo, per la sua robustezza e convenienza, è diventato un punto di riferimento per l’edilizia. Ma le ripercussioni di questo materiale sull’ambiente portano a ripensarne l’uso mentre l’esodo rurale costringe le città a costruire sempre più edifici nuovi. Uno studio recente rivela che costruire in legno anziché in cemento permetterebbe di colmare, entro il 2100, il 10% del bilancio di carbonio necessario per limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C.

Le cittĂ  ora ospitano piĂą della metĂ  della popolazione mondiale, ovvero piĂą di 4,2 miliardi di persone. Un numero che dovrebbe raddoppiare entro il 2050 secondo la Banca Mondiale, mentre la superficie delle cittĂ  potrebbe moltiplicarsi per 6 entro il 2021!

La costruzione di nuovi edifici e la ristrutturazione rappresentano due settori chiave della transizione ecologica. I dati del 2020 del Ministero per la transizione ecologica e la coesione territoriale indicano che “il settore edile rappresenta il 43% del consumo energetico annuo francese e genera il 23% delle emissioni francesi di gas serra (GHG)”.

Esistono diverse soluzioni per ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) nel settore edile: rifacimento dei setacci termici, sviluppo della produzione di energia elettrica a basse emissioni di carbonio, “inverdimento” della produzione delle materie prime (acciaio, cemento, ferro)… Questa terza leva rappresenta quasi 10% delle emissioni di GHG del settore edile nel 2020.

Secondo questo nuovo studio pubblicato su Nature Communication, l’uso del legno consentirebbe di preservare fino a 100 Gigaton di CO2 entro il 2100 durante la costruzione di nuovi edifici, ovvero il 10% del bilancio del carbonio necessario per limitare il riscaldamento globale rispetto al livelli preindustriali.

Questo studio condotto dal Potsdam Research Institute sugli effetti dei cambiamenti climatici è uno dei primi ad analizzare e quantificare le ripercussioni di una transizione di questa portata dal calcestruzzo al legno sulla domanda di materie prime, sull’uso dei suoli e sullo stoccaggio del carbonio.

Il legno, una risorsa naturale e rinnovabile

Anche se iniziano a svilupparsi alternative meno inquinanti, in particolare grazie a canali di riciclo del calcestruzzo a basse emissioni di carbonio, il legno rimane più che rilevante per le sue capacità termiche, la sua facilità d’uso o la sua resistenza per la costruzione. Il legno è anche un materiale impareggiabile per quanto riguarda le emissioni di CO2.

Il legno è un importante pozzo di carbonio. Durante il processo di fotosintesi, gli alberi assorbono la CO2 presente nell’atmosfera e la immagazzinano per molti anni. Anche quando l’albero viene tagliato, viene rilasciata solo una parte del carbonio. Il resto rimane nel bosco. Le foreste di produzione, dedicate all’industria, rappresentano nel 2020 circa 132 milioni di ettari, ovvero l’8% della terra coltivata del pianeta.

Ma questo passaggio dal cemento al legno trasformerà necessariamente l’uso della terra, a scapito dell’agricoltura per esempio? Non necessariamente. Per determinare le conseguenze di questo probabile passaggio dal cemento al legno per la costruzione di nuove abitazioni, i ricercatori hanno sviluppato un modello predittivo basato su 4 possibili scenari a seconda della domanda del settore.

“Le nostre simulazioni mostrano che la domanda di legno per la costruzione di edifici di medie dimensioni non dovrebbe avere ripercussioni importanti sui terreni agricoli – spiega in un comunicato il coautore dello studio Florian Humpenöder – è ovvio che la produzione di legno non dovrebbe competere con l’agricoltura e la produzione alimentare”.

La protezione delle foreste non dovrebbe essere messa in secondo piano

Come tutta la produzione su larga scala, lo sfruttamento delle foreste causerà la sua quota di danni alla natura. L’erosione del suolo, lo squilibrio della biodiversità, l’inquinamento, sono tutti elementi di cui tenere conto quando si creano foreste più rispettose dell’ambiente. L’industria forestale deve essere un settore attento e organizzato. Per questo motivo è stato dato un chiaro limite al modello sviluppato dai ricercatori.

Non tiene conto di potenziali piantagioni o tagli in aree protette o foreste vergini. Gli ettari necessari a questa domanda futura, dell’ordine di 140 milioni di ettari di foreste, possono essere ottenuti in teoria in aree dove le foreste sono già sfruttate.

Ma i ricercatori non si lasciano ingannare dal futuro dell’industria forestale. Alcuni terreni non tutelati saranno ovviamente abusati e sfruttati per la produzione di legno, mentre potrebbero consentire altri usi più responsabili o semplicemente essere lasciati alla biodiversità. Questo è il motivo per cui ritengono che l’aumento del disboscamento richieda una governance forte e regole appropriate per obbligare l’industria del legno a una gestione forestale ragionata e sostenibile.

Molti imperativi

Soprattutto perché questa industria non è la sola a bramare la terra. I suoli sono sempre più sotto pressione: espansione urbana, agricoltura, materie prime, industrie… L’uso del suolo è quindi soprattutto un argomento politico quando si dà priorità a determinate attività.

Vista la crisi ambientale e la pressione sull’uso del suolo, esistono diverse soluzioni per liberare spazio. Una dieta meno a base di carne, ad esempio, libererà della terra per altri usi. In paesi piccoli come l’Italia, un rallentamento dell’artificializzazione del suolo ridurrebbe anche la pressione sui terreni agricoli. Ma questo implica, ad esempio, meno case singole e più spazi comuni condivisi. Una situazione ancora impensabile o poco privilegiata nelle nostre società.